Intervista allo sconfitto Nicolai.

1. Signor Nicolai, come commenta il suo risultato alle elezioni comunali di Gorizia?
Cosa dovrei dire? Ci sono stati dei brogli. B-r-o-g-l-i (scandisce, ndr). E’ ovvio…

2. Brogli? Ma se non ha preso nemmeno 1 voto. Come può parlare di brogli?
Proprio per questo mi sembra palese che ci siano state delle irregolarità. Peggio, un’autentica cospirazione per conservare il potere tra le mani della gerontocrazia goriziana.

4. Sta muovendo delle accuse pesanti. Su quali basi?
Tutti avrete letto o sentito di quanto è accaduto a Lucinico, dove un presidente di seggio ha intascato una scheda elettorale. Evidentemente è stato il solo ad essere beccato in fragrante. Chi può dire che questo non si sia ripetuto in tutti i seggi? Chi può dimostrare che non ci sia stata un’allenza di tutti i presidenti dei seggi goriziani contro di me? Loro se ne sono usciti con le tasche piene, io senza voti…

5. Intende ricorrere al TAR del Lazio?
In effetti ci sarebbe un’altra irregolarità: vi era un altro candidato di nome Nicolai in una lista a me ostile. Evidentamente c’era la volontà di togliermi dei voti. Mi temevano…Ma se questa città non mi vuole evidentemente non merita che Romoli…

7. Romoli ha ottenuto oltre il 50% dei voti e si è insediato, da circa una settimana, nel palazzo comunale. Come vede il nuovo sindaco?
Come un ex-missino alleato con Berlusconi.

7. Basta così?
Serve altro?

8. Veramente si…
Allora è un populista il cui primo impegno preso è quello di ripavimentare le strade. A Gorizia non servono cerotti, non servono politiche con lo sguardo corto. Lui sembra miope, io ero il candidato con gli occhiali…

9. Lo era. E adesso, pensa di aver finito con la politica goriziana? O intende lanciarsi nella costruzione del Partito Democratico come l’altro grande sconfitto, Mosetti?
Il partito democratico è un’illusione, un’ accozzaglia priva di dignità politica che non riuscirà mai a formulare un programma propositivo. Quanto a me, ho ben altri progetti…

10. Nuovi progetti?
Si, intendo dedicarmi alla cultura, alla cinematografia. Intendo cambiare le cose una persona alla volta.

11. Eh? Cambiare le cose una persona alla volta?
La politica mi ha deluso di nuovo, dopo l’esperienza di rappresentante d’istituto. Penso di poter fare di più agendo su una scala più piccola.

10.Vuole quindi ricucire lo strappo tra politica e società civile?
Esattamente! Agendo alla base, arrivando alla coscienza dei singoli, fino a convertirli.

11. Convertirli sembra un verbo più adatto alle liste civiche confluite nel Forum dell’ex prete Bellavite?
La chiesa non ha l’esclusiva sui missionari.

12. Quale sarà il suo messaggio?
Fate come se i politici non ci fossero e cercate, ognuno di voi, di risolvere i problemi del vicino di casa..o della vicina (strizza l’occhio, ndr)

13. Ma per finire, non ha proprio niente da dire al sindaco Romoli?
Solo un celebre aforisma: “Il problema della corsa dei topi è che, anche se vinci, sempre topo sei”.

Davide Lessi

Annunci