L’anno è ricominciato, portando con sé la consueta scia di terrore e distruzione della sessione d’esami di settembre. Il disfacimento psico-fisico da libri, libretti, tesi e treni (soprattutto treni) vi provoca un profondo desiderio di lubianska? (Da non confondere con la Lubjanka).La notizia che Gianni è al completo, sicuro non vi farebbe piacere! Cosa fare? Come sostituire quel ricostituente proteico che vi darebbe la forza di campare fino al semestre successivo? Col classico fai da te! Sconvolti dall’annuncio “siamo pieni, mi dispiace”, fatevi consegnare a viva forza la maglietta che spetta a chi riesce nell’impresa di sbafarsi un’intera lubianska e cercate di meritarvela precipitandovi al vostro supermercato di fiducia. Col sacro furore dell’affamato procuratevi 2bistecche2 di dimensioni inaudite e preferibilmente di maiale (può andare anche la carne di bovino, ma quello che troverete saranno Bigazzi vostri…), un paio di uova, un pacco di sottilette (va bene un qualsiasi formaggio che fonde, ma il tempo è denaro e il formaggio anche) e la farina che avete finito all’ultima festa di laurea. Vi servirà poi acquistare, se non la possedete o l’avete usata come anti rumore tra testiera del letto e parete, una bella fetta di prosciutto cotto (costa meno del crudo e lo fa pure Gianni, anche se qui qualcuno potrebbe dire che la vera lubianska è stata uccisa da fuoco amico). Il pane grattato non vi serve, scommetto che avete dimenticato a casa in luglio un bel pezzo di pane che sarà secco al punto giusto!

Fffatto? Okay, ora pestate la carne fino ad assottigliarla il più possibile, rendendola così ampia quando il tavolo stesso di Gianni. In questa fase non dobbiamo essere molto precisi. Se non avete un pesta carne usate pure il volume più voluminoso che avete studiato per l’esame che vi è andato peggio, dovrebbe comunque bastare. Se siete secchioni prendete la carne a padellate oppure a capocciate. Dopodiché mettetegli sopra uno strato di sottilette ed il prosciutto, quindi sigillatela con la seconda bisteccazza, anch’essa opportunamente istruita a librate.

Nella terrina, quella in cui tenevate il ghiaccio per raffreddare il cervello nei giorni di caldo torrido e studio, mettete un uovo, un pizzico di sale ed un cucchiaio di latte. Mescolate, non agitate e immergeteci dentro la carne formaggiata e prosciuttizzata. Per bene eh! Se no poi viene un patatrac! A fianco grattugiate il pane. Prendete la fettina bella bagnata e passatela sul pane in modo che venga ricoperta abbastanza uniformemente e interamente.

Trovate la padella in grado di contenere quel mostro calorico e scaldateci una noce (di cocco) di burro o un “adeguato” goccio d’olio. Metteteci dentro la lubianska e lasciatela friggere per bene da ambo i lati, finché  sarà dorata e croccante.

Fffatto? Beh, abbiamo finito! Ora potete abbuffarvi alle spalle di Gianni! Se volete potete metterci sopra un po’ di limone. Se siete feticisti delle salsine vi lascio lo spazio di sperimentare, a vostro rischio e pericolo, quelle che più preferite! Se siete coraggiosi e golosi e trovate un buon abbinamento scrivetecelo su:

www.sconfinate.net/non_ho_idea_di_cosa_sia_l_anoressia/salsine/sì_sì_l_ho_provata_e_sono_ancora_qui_per_raccontarlo.html

Dalle parti di Praga prima di affrontare moli simili di carne bevono un grappino. Tranquilli, non è una cosa che ubriaca, serve semplicemente a dilatare lo stomaco per stiparlo meglio! A posto? Ora potete munirvi di coca cola che, essendo dannatamente acida, dà una mano, di una bella birra o di un buon nero. Il nero, ci tengo a precisarlo, non è il caffè ma è il VINO NERO. Lo so, il vino non è nero è rosso, ma anche il caffè non è nero, ma marrone! Ai posteri, o ai postumi? l’ardua sentenza.

PS: se non trovate il link provate a disabilitare il ‘filtro buffonate’ del vostro browser o capite che è solo una battuta mal riuscita.

Daniele Cozzi