You are currently browsing the tag archive for the ‘Berlino’ tag.

Ricordi di un’ estate passata a Berlino

[da leggere ascoltando Tocotronic – Schatten werfen keine Schatten]

Sono arrivato a Berlino sicuro che il tempo che ci avrei trascorso mi avrebbe cambiato. Sono partito pensando che qua, dove viviamo, nelle nostre piccole cittadine, siamo ombre e che le ombre non gettano altre ombre. Là ho realizzato che, in una metropoli che è una piccola città, le persone, per quanto siano chiuse, grigie e fredde, ti rimangono nel cuore, anche se non le hai mai conosciute, perché ti illuminano. E le ricordi per i loro sguardi. Sguardi di gente selvatica, come quella città dove le volpi, la notte, escono dai parchi in cerca di resti degli ultimi kebab mangiati prima di rincasare, poco prima che il sole sorga. Sguardi di chi vive come aveva sognato di vivere quando era ragazzo: un poco sopra le righe, un poco oltre le proprie possibilità, ma felice. Sguardi pieni di respiro, come questa città che mi ha colpito fin dall’ inizio, che mi mancherà e che non ritroverò facilmente altrove. Una grande città, pochi alti palazzi, molto verde. Non c’è un centro oppure ce ne sono molti: ogni quartiere è realtà a sè cosicché quando sei a Prenzlauerberg non puoi confonderti con Kreuzberg, Wedding o Mitte. Ogni quartiere con la sua personalità, uno Stimmung per ognuna di queste piccole cittadine: così quando giri per questa città non ti rendi conto di essere in una metropoli, non fosse per la U-bahn, le grandi distanze e la gente che la popola.

Berlino d’estate è bella: si camminano volentieri le sue strade fino a tardi, si siede nei parchi, tra un grill e un pomeriggio al sole con gli amici, sdraiati a guardare quel cielo che da noi non c’è, a farsi scompigliare i capelli da quel vento che fa passare le nuvole così velocemente come non ho visto da altre parti. E poi tornare a casa, a Kreuzberg, passando accanto agli odori turchi che escono dai baracchini del kebab o dai mercati domenicali. La domenica mattina ai mercati delle pulci a cercare qualche curiosità, a fare amicizia con gente che arriva da chissàdove e deve vendere tutto quello che ha per poter acquistare il biglietto aereo di ritorno (chissà da quanto tempo sono in viaggio). E conoscere qualche artista che ha lo studio nella soffitta di qualche casa da qualche parte a Wedding.

I tedeschi di Berlino sanno godersi la vita e noi dovremmo imparare da loro. E loro dovrebbero imparare da noi a ridere: difficile trovare chi, in metropolitana, sia disposto a una chiacchierata. Ma verso sera, i berlinesi escono di casa, si comprano un paio di birre al tabacchino, le bevono passeggiando e diventano simpatici.

Di loro ho apprezzato la loro tolleranza, al limite con il menefreghismo, e il loro essere così distanti dal moralismo cattolico che ci attanaglia in Italia. Mi sentivo più libero, più rispettato, più sicuro, senza militari. Con il tempo ho scoperto il loro tipo di moralismo e la loro rigidità nel non accettare chi esce dai loro schemi. Ho scoperto che il Muro è ancora in piedi: tra Ossi e Wessi, tra gay veri e gay che provano ad esserlo, tra cool e uncool, tra nudisti e vestiti, tra italiani berlinesi e italiani turisti. Per quanto ti facciano sentire straniero però è tutto così familiare.

Finalmente in quella città, chi ero? Chi sono diventato? Sono diventato cosciente, ho alzato gli occhi e il mondo era lì, davanti ai miei occhi.

Alessandro Battiston

Schlagstein@gmail.com

Annunci

Appena arrivate a Berlino

  • compratevi un abbonamento per i trasporti pubblici – non costa poco ma di sicuro è più conveniente che comprare i singoli biglietti da 2.10 €.
  • comprate in un qualsiasi giornalaio Zitty Berlin oppure Tip – queste due riviste contengono tutti gli appuntamenti (musica, feste, cinema e altro) giorno per giorno per due settimane. Sono in tedesco.

Notizie utili per i trasporti
La metro chiude alle 00.30 e apre alle 5.30 eccetto i venerdì e sabato in cui corre tutta la notte. Se la Ubahn è chiusa i bus garantiscono le medesime tratte per tutta la notte. I taxi non costano molto.

Se rimanete pochi giorni, ecco qualche posto da non evitare!

  • Yaam, F’hain, Stralauerplatz 35, Sbahn Ostbhf. Reggae, Hip Hop, musica dal mondo. Due sale, smoke room, mercatino africano, kneipen giamaicane, spiaggia direttamente sullo sprea. Usain Bolt ha scelto di festeggiare qua il suo compleanno dopo i mondiali di atletica.Quanto costa? Dai 5 ai 10 €.
  • Berghain, Am Wriezener Bahnhof, F’hain, Ubahn Weberwiese, Sbahn Ostbhf. Miglior techno club al mondo secondo DJ Mag. Due sale, alcuni bar da raggiungere tramite scalette di ferro, dark rooms. Consiglio di andare presto, farsi fare il timbro e poi tornare – così si evitano code anche di 4 ore. La selezione all’ entrata non segue patterns. Club molto intenso. Quanto costa? 10 €.
  • Madame Claude, X-berg, Lūbbener str 19, Ubahn Schlesiches Tor. Dall’ Indie all’ elettronica. Ambiente molto confortevole. I concerti si tengono in cantina, al piano di sopra comodi divani e un calcetto. Quanto costa? Da 1 a 6 €, decidete voi.
  • Icon, Prenzlauerberg, Cantianstr 15, Ubahn Eberswalderstr. Specializzato in DnB, Downtempo, Dancehall, Hip Hop e Funk. Sonorità innovative.
  • Badeschiff, Treptow, Eichenstr 4, Ubahn Schlesiches Tor, Sbahn Treptower Park. Dall’ elettronica al nu jazz. Spiaggia e piscina galleggiante sullo Sprea. Molto rilassante.

Cosa fare prima di uscire?
Andate in Kastanien Allee, Prenzlauerberg, la mia strada preferita di Berlino, bevetevi una birra da passeggio presa al “tabacchino”. E’ comunque pieno di bei locali che, probabilmente, quando ci andrete voi non saranno più gli stessi che avevo visto io.
Se passerete la serata a X-Berg, cominciate in Oranienstrasse – andate al Luzia, al numero 34, e cercate posto nella saletta: se non c’è posto salite sulla scala di legno e controllate che sia libero di sopra.

Comprate al supermercato un kit per grigliata e andate in uno dei parchi (consiglio Gorlitzer, Treptower, Mauer): i berlinesi vanno matti per le grigliate.
Andate al Doctor Pong, Prenzlauerberg, Eberswalderstr 21. Un tavolo da ping pong, 50 persone che giocano all’ americana. Musica molto molto buona.

Importante è conoscere qualcuno del posto: molti dei locali più belli sono nascosti nelle corti dei palazzi o nelle cantine – solo conoscendoli ci si può arrivare!

Dove dormire?
Io consiglio East Seven Hostel, Prenzlauerberg, Schwedterstr 7. Ambiente confortevole, tra i migliori ostelli al mondo secondo Hostelworld.com, giardino con griglia, personale super.

Alessandro Battiston
alessandro.battiston@sconfinare.net

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.378 hits
Annunci