You are currently browsing the tag archive for the ‘braccio’ tag.

Il Parlamento ha bocciato la proposta di legge contro l’omofobia: le violenze continuano a consumarsi nel silenzio di troppi

Stiamo vivendo un anno brutto, certo una crisi. Ma non la tanto citata crisi economica bensì una crisi di civiltà. Gli episodi di omofobia degli ultimi tempi si aggiungono alla salsa di omertà sulle violenze domestiche, sulla violenza sulle donne e per la mancanza di rispetto per ogni età, fede, politica o orientamento sessuale.

Il tanto declamato art. 3 della Costituzione non è mai stato così inascoltato o incompreso. E più di tutto attaccato e poco difeso. Al punto che la maggior governabilità di questo Paese dovrebbe passare, secondo il Governo, da un’eccezione costituzionale all’uguaglianza giudiziaria.

Ma più di questo, al punto da far approvare una pregiudiziale di costituzionalità sollevata dall’UdC (con 285 sì, 222 no e 13 astensioni), che ha fatto cadere la proposta di legge che prevede l’aggravante dell’omofobia nei confronti di chi genera ed attua violenza contro la libertà di nascere secondo un determinato orientamento sessuale. E le parole che uso spero possano ponderare bene il mio pensiero.

Non ci si rende conto che lo Stato, nel suo compito di tutore della legge, deve anche guardare alla causa del male che combatte o debella. Deve capire che un braccio rotto da una caduta di motorino non è un braccio rotto per aver avuto coraggio di esprimere una propria libertà, nel caso specifico quella sessuale. Né tantomeno è una scusante valida il fatto di non aver incluso nella stessa legge le aggravanti di età, disabilità o transessualità, a cui le direttive UE fanno esplicito riferimento.

Tuttavia, volendo andare oltre al senso legislativo della proposta dell’On. Concia (di certo la legge proposta non sarebbe stata un capolavoro di letteratura giudiziaria), un atto del genere rappresenta una presa di posizione. Sarebbe stato un segnale da parte del Parlamento, un modo efficace, come forte, di puntare il dito ai molteplici atti di violenza accaduti negli ultimi tempi ai danni di persone gay. E di questo se ne è resa conto anche il Ministro Carfagna che ha già promesso di ripresentare un testo di legge a breve giro di boa.

Sembra invece che non se ne siano accorti tutti gli altri: le Associazioni GLBT urlano in silenzio (non per loro colpa, ma per la poca forza lobbistica che hanno sempre avuto in Italia), il Parlamento ha riscoperto la sua capacità conservatrice e la sua poca lungimiranza, il Vaticano tace e, nel giro di poche ore dalla bocciatura della legge, un altro ragazzo si faceva picchiare a Roma. La giornalista Meli del Corriere della Sera lega l’aumento degli atti di omofobia alla maggiore visibilità pubblica che stanno avendo oggigiorno le scelte di orientamento sessuale. Difficilmente si può però dire una cosa simile alla luce del vandalismo che ha toccato la discoteca Qube o i locali gay del Colosseo. Non sono forse sempre esistiti? Si parli di escalation: che fine avrà allora?

Tuttavia, ancora prima della bocciatura della proposta, vi sono stati segnali che la società italiana non è ancora in grado di metabolizzare alcune realtà sociali. Soprattutto, le grandi aspettative dietro alla Conferenza Internazionale sulla violenza contro le donne (preparativa del G8) si sono sgonfiate e l’atto di più grande risonanza è stato il discorso di apertura del P.d.R. Napolitano nel quale ha segnalato l’omofobia come una delle cause di violenza.

Ad inizio settembre, in contemporanea con il G8, i giornali e telegiornali riportavano la notizia della presenza della signorina Noemi Letizia al Festival di Venezia. Ci si rende conto di due cose: di come i giornali italiani non diano più notizie, ma letame; ma soprattutto, come la non partecipazione della suddetta e delle sue colleghe alla Conferenza Internazionale sia stata un’occasione persa. Persa l’occasione di dare un risvolto etico-morale alla loro professione di escort; persa l’occasione di dare con loro una maggiore copertura mediatica all’evento.

Anche questa volta, purtroppo, non si è aperto nessun dibattito sulla sessualità. Ancora si naviga nell’incomprensione che le violenze nascono, il più delle volte, da problemi di sessualità. Etero o Omo che sia. Continueremo ad avere matrimoni in rovina, prostituzione dilagante anche tra i giovani, onanismo incallito (ma solamente alternato al precariato del lavoro). E per vivere la propria sessualità, i giovani scapperanno in Europa, scappando dalla maggioranza incancrenita che controlla moralmente questo Paese. E che morale.

Edoardo Buonerba

edoardo.buonerba@sconfinare.net

Finalmente è il turno della danza. Di quella danza che piace a me. Mi ricordo di quando ero piccola, di quando mi arrabbiavo con la televisione italiana per il poco spazio che riservava alla danza. Aspettavo con ansia il primo dell’anno per vedere, assieme con il concerto in diretta dal Musikverein di Vienna, qualche stralcio di balletto classico. E di stralci proprio si trattava, perché il cameraman della Rai amava indugiare prima sul lampadario in cristallo, sugli scaloni in marmo, sulle decorazioni floreali con fiori provenienti da San Remo … poi, finalmente, dopo tanta suspense, una scarpetta! Un braccio in aria! Un tulle svolazzante! Ma mai che si vedesse una ballerina tutta intera. Perché per una bambina appassionata di danza in una città senza teatro, quando ancora internet non esisteva, e con una tv totalmente impermeabile a questo tipo di intrattenimento, le occasioni per veder ballare erano davvero più uniche che rare.

Totalmente arresa alla dura realtà dei fatti, negli ultimi anni ho cominciato invece ad assistere fiduciosa al nascere di molti programmi televisivi, con protagonista la danza nelle più svariate versioni. Per poi rimanere nuovamente delusa, perché quella danza da competizione spiccia, da show business, tutta salti e prese, non era, a parte qualche rara eccezione, la danza che avevo imparato con un po’ di snobismo ad apprezzare io. La danza che piace a me è quella che si vede in teatro, con coreografia, scenografia, costumi di scena, con la tensione della “diretta”, ma, soprattutto, con ballerini veri. Ballerini cioè che svolgono la loro professione con professionalità. Cosa non del tutto scontata.

E per fortuna, gli ultimi due spettacoli di danza presentati al Teatro Verdi di Gorizia non mi hanno delusa. Due spettacoli completamenti diversi, ma accomunati dalla tematica dell’amore infelice. Il primo era Otango, The Ultimate Tango Show (ideazione e direzione di Oliver Tilkin & Sabrina Gentile Patti), presentato il 21 dicembre 2008 dalla compagnia belga Artemis Production. Il secondo era invece Romeo & Juliet (da un’idea di Mauro Bigonzetti e Fabrizio Plessi), andato in scena il 10 gennaio 2009 con la Fondazione Nazionale della Danza – Reggio Emilia Aterballetto.

Otango proponeva una storia d’amore perduto in un excursus storico e spaziale che da Buenos Aires portava a Parigi, dal primo Novecento al secondo dopoguerra. Sul palco si esibivano non solo i ballerini, ma anche l’Orquesta Otango, con pianoforte, due violini, contrabbasso e bandoneón, e due cantanti argentini: Claudia Pannone e Sebastian Holz. Classici del tango, come La Cumparsita, Milonga de mis amores o Libertango, venivano riproposti in una partitura originaria e accompagnati o inframmezzati dalle voci dei cantanti. Bellissima quella di Claudia Pannone che, con grande padronanza scenica, spesso dominava il palco da sola.

Romeo & Juliet utilizzava invece le musiche del balletto classico omonimo di S. Prokofiev per riproporre la storia di Romeo e Giulietta in una versione moderna e astratta. Molte coppie di Romeo e Giulietta ballavano la tragedia imminente del loro amore: vestiti di corsetti in pelle nera o costumi color carne, con un piede infilato in un casco da moto affrontavano impegnativi esercizi di equilibrio, a rappresentare il loro destino perennemente in bilico.

Entrambi i balletti a tratti provocatori, il primo con un tango lesbo, il secondo con la sensualità molto esplicita dei due amanti, mettevano in scena non tanto una trama vera e propria, quanto i sentimenti che accompagnano l’amore di ogni tempo: la passione, la gelosia, la rivalità, la tragedia incombente.

I due spettacoli hanno avuto una riposta diversa dal pubblico. Mentre il primo è stato accolto con grande entusiasmo, il secondo ha incontrato una buone dose d’incomprensione, probabilmente per il modo inatteso con cui un tema molto noto era stato trattato. Ma entrambi sono riusciti a coniugare assieme tutti quegli elementi che fanno della danza uno spettacolo: le coreografie interpretavano la musica; scenografie, luci e costumi andavano d’accordo; i ballerini ballavano. E con un’altissima preparazione. Ma cosa più importante, sono anche riusciti a comunicare qualcosa: sono riusciti a interpretare sul palco la complessità dei sentimenti.

Scordatevelo che riesca a farlo anche la televisione.

Margherita Gianessi

margherita.gianessi@sconfinare.net

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.446 hits