You are currently browsing the tag archive for the ‘cossi’ tag.

Appena arrivate a Berlino

  • compratevi un abbonamento per i trasporti pubblici – non costa poco ma di sicuro è più conveniente che comprare i singoli biglietti da 2.10 €.
  • comprate in un qualsiasi giornalaio Zitty Berlin oppure Tip – queste due riviste contengono tutti gli appuntamenti (musica, feste, cinema e altro) giorno per giorno per due settimane. Sono in tedesco.

Notizie utili per i trasporti
La metro chiude alle 00.30 e apre alle 5.30 eccetto i venerdì e sabato in cui corre tutta la notte. Se la Ubahn è chiusa i bus garantiscono le medesime tratte per tutta la notte. I taxi non costano molto.

Se rimanete pochi giorni, ecco qualche posto da non evitare!

  • Yaam, F’hain, Stralauerplatz 35, Sbahn Ostbhf. Reggae, Hip Hop, musica dal mondo. Due sale, smoke room, mercatino africano, kneipen giamaicane, spiaggia direttamente sullo sprea. Usain Bolt ha scelto di festeggiare qua il suo compleanno dopo i mondiali di atletica.Quanto costa? Dai 5 ai 10 €.
  • Berghain, Am Wriezener Bahnhof, F’hain, Ubahn Weberwiese, Sbahn Ostbhf. Miglior techno club al mondo secondo DJ Mag. Due sale, alcuni bar da raggiungere tramite scalette di ferro, dark rooms. Consiglio di andare presto, farsi fare il timbro e poi tornare – così si evitano code anche di 4 ore. La selezione all’ entrata non segue patterns. Club molto intenso. Quanto costa? 10 €.
  • Madame Claude, X-berg, Lūbbener str 19, Ubahn Schlesiches Tor. Dall’ Indie all’ elettronica. Ambiente molto confortevole. I concerti si tengono in cantina, al piano di sopra comodi divani e un calcetto. Quanto costa? Da 1 a 6 €, decidete voi.
  • Icon, Prenzlauerberg, Cantianstr 15, Ubahn Eberswalderstr. Specializzato in DnB, Downtempo, Dancehall, Hip Hop e Funk. Sonorità innovative.
  • Badeschiff, Treptow, Eichenstr 4, Ubahn Schlesiches Tor, Sbahn Treptower Park. Dall’ elettronica al nu jazz. Spiaggia e piscina galleggiante sullo Sprea. Molto rilassante.

Cosa fare prima di uscire?
Andate in Kastanien Allee, Prenzlauerberg, la mia strada preferita di Berlino, bevetevi una birra da passeggio presa al “tabacchino”. E’ comunque pieno di bei locali che, probabilmente, quando ci andrete voi non saranno più gli stessi che avevo visto io.
Se passerete la serata a X-Berg, cominciate in Oranienstrasse – andate al Luzia, al numero 34, e cercate posto nella saletta: se non c’è posto salite sulla scala di legno e controllate che sia libero di sopra.

Comprate al supermercato un kit per grigliata e andate in uno dei parchi (consiglio Gorlitzer, Treptower, Mauer): i berlinesi vanno matti per le grigliate.
Andate al Doctor Pong, Prenzlauerberg, Eberswalderstr 21. Un tavolo da ping pong, 50 persone che giocano all’ americana. Musica molto molto buona.

Importante è conoscere qualcuno del posto: molti dei locali più belli sono nascosti nelle corti dei palazzi o nelle cantine – solo conoscendoli ci si può arrivare!

Dove dormire?
Io consiglio East Seven Hostel, Prenzlauerberg, Schwedterstr 7. Ambiente confortevole, tra i migliori ostelli al mondo secondo Hostelworld.com, giardino con griglia, personale super.

Alessandro Battiston
alessandro.battiston@sconfinare.net

Toscana, il Chianti e dintorni 

Se vi dovesse capitare di trovarvi a Monteriggioni o a Castellina in aprile, verreste accolti da collinette dolci che segnano la linea dell’orizzonte, ornate da vigne o prati di margherite bianche e gialle, attraversate da strade sinuose con pochissime macchine. Questo è il Chianti, quella zona compresa tra le province di Siena e Firenze, caratterizzata da spazi collinari coltivati a vigne con i casolari antichi e circondati da un insieme di paesini medievali, con la cinta delle mura attorno alla piazza del paese dove sta la chiesa e la sua facciata con l’ampio rosone. Così si presentano tutti questi paesini, come ricorda Dante nel XXXI canto dell’Inferno a proposito di Monteriggioni, che in su la cerchia tonda di torri si corona.

La Toscana vista da qui fa pensare ad un perfetto compromesso tra sviluppo economico e tutela dell’ambiente, i paesaggi così dolci si devono al modello della mezzadria, con le terre direttamente gestite dai contadini, modelli diversi hanno provocato disastri sociali e paesaggistici: oggi sono ancora evidenti al meridione le conseguenze del latifondismo, fondato sulla deresponsabilizzazione e sugli sprechi.

Certo, assaggiare un pezzetto di pane toscano la prima volta e scoprirlo sciocco è una sorpresa, ma quando arrivano lardo di colonnata, coppa, spalla, pecorino, salame di cinghiale, tutto si spiega, altro sale sarebbe fuor d’opera. E d’altronde, se siete nel Chianti, non vi preoccuperete troppo del pane, anche nella più truce salumeria il rosso di casa è più che accettabile.

Il Chianti si estende dunque tra le due città di Siena e Firenze, d’obbligo visitarle entrambe.

La prima, per chi vive a Gorizia da universitario, può servire da metro di paragone, come può inserirsi una comunità universitaria in una città, o meglio in un paesone, piuttosto provinciale. Anche lì gli studenti lamentano, ma godono di spazi propri, e passeggiando per piazza del campo senti le lingue del mondo. Vi si potrebbe mandare in viaggio studio il Sindaco Romoli assieme al Presidente del comitato antischiamazzi, scoprirebbero con sommo sbigottimento che la storia e le tradizioni della città non sono messe in pericolo dagli studenti, i quali hanno fatto di Siena tra le città italiane più legate ai rapporti internazionali.

Firenze: la culla del Rinascimento ed anche di Piero Pelù, ti siamo grati per entrambi. Passeggiando per le sue vie, passando tra il Battistero color nero fuliggine e il Duomo appena tirato a lucido, troverete turisti di tutto il mondo, ciascuno che sembra star lì spavaldo a voler riaffermare che i luoghi comuni hanno sempre un fondamento di verità oppure semplicemente che all’estero ognuno ha bisogno di riaffermare le proprie origini. Sicché, una volta che vi sarete fatti spazio tra i giapponesi con le webcam e le comitive polacche con le magliette con Wojtyla, arriverete a piazza Santa Croce. Abbandonate la sciocca idea di prendere un caffè o una pizza, e dritti e decisi puntate alla Basilica. Uno spettacolino mi distrae, ci sono tre ragazzi rom che suonano musica tzigana, attorno a loro una gruppo di turisti francesi, in pochi minuti un centinaio di persone vengono coinvolte nella danza, i francesi battono il tempo e il ragazzo rom alla chitarra ride felice. Come dice l’antico proverbio, non tutti i rom vengono per nuocere.

Entrare a Santa Croce dovrebbe essere un must per sviluppare un po’ di patriottismo, io volevo soltanto vedere Foscolo e le sue basette – cosa che consiglio a tutti – ma effettivamente l’Itale glorie serbate nella Basilica stimolano l’orgoglio nazionale. Passo in rassegna, come un generale con il suo esercito, riconosco Meucci, Fermi, Michelangelo e Machiavelli. C’è anche la tomba di Galilei, la quale aveva creato qualche problema all’oscurantismo cattolico dell’epoca.

Subito fuori, il chiostro del Bernini mi permette di riposarmi al sole fiorentino, chiedo una bevanda ad un chiosco e il cameriere bengalese, credo, si volta al connazionale dietro di lui: “Nedo, una hoca per il dottore”, sorrido soddisfatto, l’integrazione funziona e il mio narcisismo ne esce rinvigorito.

La Toscana rappresenta il meglio dei secoli di Storia italiana, in tutte le sue declinazioni, e rimane un posto di sperimentazione, un laboratorio sempre al lavoro, che fa da avanguardia e anticipa le nuove e positive tendenze.

Federico Nastasi

Tarda serata del 28 dicembre, siamo all’ingresso del cinema e osserviamo lo schermo su cui vengono proposte le varie programmazioni della serata: la scelta è rapida e avviene, come d’abitudine, per via negativa. Escludiamo a priori tutto quel cinema pseudo-gogliardico e troppo commerciale che ha il piacere ogni anno di invadere le sale cinematografiche della nostra Italia, soprattutto durante le feste, soprattutto se sono quelle natalizie. Tra le poche possibilità rimaste la nostra scelta cade subito sull’ultimo film di Salvatores: Come Dio comanda.

Non voglio annoiarvi, lettori, sia che siate una giovane o un giovane studente universitario immerso nella preparazione degli esami, sia un simpatico e raro affezionato di Sconfinare autoctono e residente nella città di Gorizia, con la trattazione della trama. Per questo mi affido al vostro livello di cinefilia e di frequenza delle sale di proiezione.

Vi vorrei piuttosto rendere partecipe di alcune, perdonate la mia presunzione, considerazioni emerse dopo la visione del suddetto.

Due sono gli aspetti che più mi hanno colpito: la descrizione del paesaggio e della società, pur nei limiti della rappresentazione, del nostro caro e vicino Nord-Est, e le peculiarità che contraddistinguono ciascuno dei personaggi.

Una compagine regionale, la nostra, in cui forte appare la sviluppo, l’impegno e l’operosità dei suoi abitanti, che però non sono stati altrettanto capaci di accompagnare questo sviluppo meramente economico ad una viva e decisa crescita sociale e direi anche ad una maturità mentale e relazionale dei suoi fautori. Con la devastante conseguenza che molti settori e sempre più ampie fette della nostra società non sono riuscite e tutt’ora non riescono a prendere parte a questo lauto e ricco banchetto. Così si viene a creare una nuova borghesia che, nonostante si senta forte sul piano delle conquiste e dell’operosità, ha dimenticato di saper vivere e affrontare le più vicine tematiche di povertà affettiva e culturale che la investono.

Emblematiche sono scene come quelle del funerale della giovane Fabiana o dell’incontro tra Rino e il suo vecchio datore di lavoro, troppo preoccupato al mero guadagno, tanto da dimenticare di avere alle dipendenza degli esseri umani e non delle macchine. A questo mondo, malato al suo interno, ma limpido, se osservato dal di fuori, si contrappone l’esistenza di Rino, del figlio Cristiano e del ritardato Quattro Formaggi, splendidamente interpretato da Elio Germano, che pur apparendo in tutta la loro difficoltà e desolazione di esclusi dal resto della società, sanno far valere e contemplare gli ideali di amicizia, di sacrificio e di vero amore che li unisce, soprattutto tra padre e figlio. Tanto da poter ottenere, agli occhi dello spettatore, quel riscatto e quella riabilitazione che cancella o se non altro smorza i loro crimini, che restano sempre atti da condannare, ma che dimostrano un attaccamento alla vita e un’autentica vitalità che non si dà mai per vinta, che sa affrontare le fatiche di ogni giorno, e che il resto della società ha ormai irrimediabilmente perso e abbandonato.
Francesco Plazzotta

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.474 hits