You are currently browsing the tag archive for the ‘giornata’ tag.

Cronache e pensieri di uno sconfinato a Parigi

Joan si è appena buttato, stanco e un po’ arruffato, sul sedile del treno. Stiamo tornando a casa, dopo l’ennesima manifestazione. Io per un attimo lo osservo, per riuscire a descriverlo, e lui ricambia la mia indiscreta occhiata, sorridendomi con quel suo viso creolo. E io guardandolo, parto. Immagino persone e terre lontane che mai ho visitato e in cui non potrei mai aver vissuto, eppure le riesco a creare dentro di me: Gujarat, Tamil Nadu, Guangzhou, Madagascar, l’europa coloniale.. e finisco a mirare, con quel spasmo di piacere che solo il bello ti può dare, la sua stupenda pelle mulatta, una carnagione che trovi in quei territori d’oltre mare francesi; come il suo: la Réunion – un’isola la cui popolazione è la conclusione di decadi di meticciato. Il mio coinquilino, di tutta risposta a un mio sguardo che non cade, mi dice fidente: “vedrai Lucas, sarà enorme la prossima manifestazione”.

E’ martedì 27 ottobre 2010, giornata di proteste indette dal l’UNEF (Union nationale des étudiants de France) davanti al Sénat contro la legge sulle pensioni: non si può non notare il drastico calo di partecipanti rispetto la scorsa settimana. Ma dopo 3 settimane di grève, oltre alla stanchezza si comincia a percepire anche un po’ di disillusione. Lo scorso sabato, il giorno dopo l’approvazione della legge alla Assemblée Nationale, siamo andati alla riunione del circolo anarcosindacalista che ha organizzato i blocchi stradali in centro Parigi, e che ha tentato l’occupazione dell’Opera Bastille. L’incontro che avrebbe dovuto stabilire le nuove azioni per questa settimana, oltre al rinnovato (e scontato) appoggio alle raffinerie occupate, è finito in un nulla di fatto. Troppa confusione, troppa animosità politica o semplicemente, sono quello che sono. Certo, questo non sarà l’esempio emblematico dell’ attuale dissipazione del movimento, ma sicuramente rappresenta un frammento della spaventosa mobilitazione che è stata attuata.

Per comprendere meglio la situazione, si possono dividere i manifestanti in tre gruppi di attori con tre differenti scopi. I primi sono i sindacati francesi, in prima linea la riformista CFDT e la trotkista e corporativa CGT, che corrispondono, a grandi linee, alla nostra CISL e CGIL. Questi perseguono l’obiettivo di modificare la legge sulle pensioni. E’ da ricordare che attualmente l’unica possibilità rimasta per modificare il testo di legge – dopo l’approvazione delle due camere e la revisione della Commission Mixte Paritaire – è l’appello alla Commission Constitutionnel. Il secondo attore sono i partiti di sinistra che, attraverso una presenza mediatica, ostentano prove di forza in vista delle prossime elezioni francesi (2012). Il terzo attore sono gli studenti che, considerando anche i soliti fermenti nostalgici sessantottini, mostrano il loro risentimento in piazza per i tagli governativi ai licei e alla università pubblica francese. Un quarto attore, che non considero, sono gli autonomi, come gli anarcosindacalisti.

In ogni caso, la cosa più sorprendente per me, italiano, è stata la portata nazionale della chiamata politica, che denota spassionatamente quello che il filosofo Alexis de Tocqueville considera un mero elemento dell’animo francese: la passione dell’uguaglianza. Questa straordinaria chiamata popolare ha in realtà l’idea base – in tutti e tre gli attori – che l’attuale riforma delle pensioni, per quanto lapalissiana, rappresenti l’ultima tappa dello smantellamento di quel capitalismo più umano e sociale nato in Francia dopo la Seconda Guerra Mondiale e consolidatosi durante i Trent’anni gloriosi. Una forma di capitalismo egualitario e assistenziale che è diventata la quintessenza delle conquiste sociali della République.

Racconto un piccolo aneddoto della storia, per spiegare come noi, italiani, possiamo imparare molto dai francesi (e viceversa), non perché indubbiamente superiori a noi, ma in quanto più simili a noi, tra tutti i latini. Nelle scuole elementari sovietiche, ai bambini veniva affidato il compito di colorare il mondo con tre colori: il rosso per l’Unione Sovietica e i paesi appartenenti al Patto di Varsavia, e il nero per gli Stati Uniti e tutti i paesi filo americani. Il terzo colore era il rosa ed era dedicato esclusivamente all’Italia e alla Francia. Un colore tenue, forse anche efebico, per designare la forte presenza comunista in questi due paesi, ma anche per sottolineare il mancato o il possibile passaggio dall’altra parte della cortina. Tra l’Italia e la Francia si può trovare un filo comune, quasi parentale, per retaggio politico, storico e religioso. Sono innegabili certe differenze, però penso, come cittadino e come studente dell’università pubblica in Italia, che stia mancando qualcosa, e pertanto possiamo ricavare una lezione francese. E’ importante; perché sembrerebbe che in Italia si sia avverata la profezia pasoliniana sull’annichilamento della partecipazione politica a causa di “niente di più feroce della banalissima televisione”. E si può avere solo saliva amara.

Luca Magonara

—————————————————————————————————————————————————

“Niente di più feroce della banalissima televisione”, frammento del film-documentario “La voce di Pasolini”. Purtroppo offerto dai grillini su YouTube.

Cronache e pensieri di uno sconfinato a Parigi

Joan si è appena buttato, stanco e un po’ arruffato, sul sedile del treno. Stiamo tornando a casa, dopo l’ennesima manifestazione. Io per un attimo lo osservo, per riuscire a descriverlo, e lui ricambia la mia indiscreta occhiata, sorridendomi con quel suo viso creolo. E io guardandolo, parto. Immagino persone e terre lontane che mai ho visitato e in cui non potrei mai aver vissuto, eppure le riesco a creare dentro di me: Gujarat, Tamil Nadu, Guangzhou, Madagascar, l’europa coloniale.. e finisco a mirare, con quel spasmo di piacere che solo il bello ti può dare, la sua stupenda pelle mulatta, una carnagione che trovi in quei territori d’oltre mare francesi; come il suo: la Réunion – un’isola la cui popolazione è la conclusione di decadi di meticciato. Il mio coinquilino, di tutta risposta a un mio sguardo che non cade, mi dice fidente: “vedrai Lucas, sarà enorme la prossima manifestazione”.

E’ martedì 27 ottobre 2010, giornata di proteste indette dal l’UNEF (Union nationale des étudiants de France) davanti al Sénat contro la legge sulle pensioni: non si può non notare del drastico calo di partecipanti rispetto la scorsa settimana. Ma dopo 3 settimane di grève, oltre alla stanchezza si comincia a percepire anche un po’ di disillusione. Lo scorso sabato, il giorno dopo l’approvazione della legge alla Assemblée National, siamo andati alla riunione del circolo anarcosindacalista che ha organizzato i blocchi stradali in centro Parigi, e che ha tentato l’occupazione dell’Opera Bastille. L’incontro che avrebbe dovuto stabilire le nuove azioni per questa settimana, oltre al rinnovato (e scontato) appoggio alle raffinerie occupate, è finita in un nulla di fatto. Troppa confusione, troppa animosità politica o semplicemente, sono quello che sono. Certo, questo non sarà l’esempio emblematico dell’ attuale dissipazione del movimento, ma sicuramente rappresentano un frammento della spaventosa mobilitazione che è stata attuata.

Per comprendere meglio la situazione si possono dividere i manifestanti a tre gruppi di attori con tre differenti scopi. I primi sono i sindacati francesi, in prima linea la riformista CFDT e la trotkista e corporativa CGT, che corrispondono, a grandi linee, alla nostra CISL e CGIL. Questi perseguono l’obiettivo di modificare la legge sulle pensioni. E’ da ricordare che attualmente l’unica possibilità rimasta per modificare il testo di legge – dopo l’approvazione delle due camere e la revisione della Commission Mixte Paritaire – è l’appello alla Commission Constitutionnel. Il secondo attore sono i partiti di sinistra che, attraverso una presenza mediatica, ostentano prove di forza in vista delle prossime elezioni francesi (2012). Il terzo attore sono i studenti che, considerando anche i soliti fermenti nostalgici sessantottini, mostrano il loro risentimento in piazza per i tagli governativi ai licei e alla università pubblica francese. Un quarto attore, che non considero, sono gli autonomi, come gli anarcosindacalisti.

Tuttavia, la cosa più sorprendente per me, italiano, è stata la portata nazionale della chiamata politica, che denota spassionatamente quello che il filosofo Alexis de Tocqueville considera un mero elemento dell’animo francese: la passione all’uguaglianza. In questa straordinaria chiamata popolare ha in realtà l’idea base – in tutti e tre gli attori – che l’attuale riforma delle pensioni, per quanto lapassiana, rappresenti l’ultima tappa dello smantellamento di quel capitalismo più umano e sociale nato in Francia dopo la Seconda Guerra Mondiale e consolidatosi durante i Trent’anni gloriosi. Una forma di capitalismo egualitario e assistenziale che è diventata la quintessenza delle conquiste sociali della République.

Racconto un piccolo aneddoto della storia, per spiegare come noi, italiani, possiamo imparare molto dai francesi (e viceversa), non perché indubbiamente superiori a noi, ma in quanto più simili a noi, tra tutti i latini. Nelle scuole elementari sovietiche, ai bambini veniva affidato il compito di colorare il mondo con tre colori: il rosso per l’Unione Sovietica e i paesi appartenenti al Patto di Varsavia, e il nero per gli Stati Uniti e tutti i paesi filo americani. Il terzo colore era il rosa ed era dedicato esclusivamente all’Italia e alla Francia. Un colore tenue, forse anche efebico, per designare la forte presenza comunista in questi due paesi, ma anche per sottolineare il mancato o il possibile passaggio dall’altra parte della cortina. Tra l’Italia e la Francia si può trovare un filo comune, quasi parentale, per retaggio politico, storico e religioso. Sono innegabili certe differenze, però penso, come cittadino e come studente dell’università pubblica in Italia, che stia mancando qualcosa, e pertanto possiamo ricavare una lezione francese. E’ importante; perché sembrerebbe che in Italia si sia avverata la profezia pasoliniana sull’annichilamento della partecipazione politica a causa di “niente di più feroce della banalissima televisione”. E si può avere solo saliva amara.

 

Annunci

Titolo La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo

Autore Audrey Niffenegger

Casa Editrice Oscar Mondadori

“E’ dura rimanere indietro. Aspetto Henry senza sapere dov’è e se sta bene. E’ dura essere quella che rimane”: inizia così la storia di Clare, innamorata di un uomo che scompare in continuazione lasciandola sola ad aspettare il suo ritorno. Fino a qui, la loro sembrerebbe una storia d’amore più o meno simile a molte altre, se non fosse per un particolare: Henry DeTamble non lascia Clare per sua volontà, semplicemente scompare senza poter far nulla per impedirlo e si ritrova a viaggiare nel tempo, catapultato improvvisamente nel suo futuro o nel suo passato. I medici la chiamano “cronoalterazione”, una malattia che Henry non può controllare: in un momento qualsiasi della giornata il tempo può rapirlo, sottrarlo alle sue occupazioni quotidiane, trasportarlo e lasciarlo completamente nudo di fronte ad un divertito se stesso bambino o ad un Henry adulto che lo fissa con aria interrogativa. I viaggi sono frequenti, passato e futuro si inseriscono continuamente nel suo presente frammentandolo, sconvolgendolo, ma c’è una cosa , una cosa soltanto capace di resistere al frenetico e casuale movimento delle lancette: Clare.

“E Clare, sempre Clare. Clare la mattina, assonnata (…) Clare che legge con i capelli sparsi sullo schienale della sedia (….) La voce bassa di Clare nel mio orecchio, spesso. Odio trovarmi dove lei non è, quando lei non c’è. E invece me ne vado sempre, e Clare non mi può seguire.”

Clare è l’amore di Henry, la bambina che a soli sei anni si trova davanti quell’uomo di trentasei, nudo come un verme, in piedi in mezzo al giardino di casa ed, invece di scappare a gambe levate urlando, gli procura degli abiti e qualcosa da mangiare e poi inizia a contare i giorni che la separano dalla sua successiva apparizione. Tutto quello che possiede è un quadernetto e delle date, intervallate da giorni, mesi , a volte persino anni di silenzio: Henry tornerà, prima o poi, forse per darle il primo bacio, quando ormai nel presente di baci ne hanno consumati a migliaia, forse per fare l’amore con lei per la prima volta, quando nel suo presente sono già sposati da tempo. L’intero libro si snoda così come una specie di diario a due voci, un susseguirsi di episodi accaduti in momenti fra loro lontani ma assemblati in modo da acquisire coerenza e fluidità. Le prime pagine possono risultare un po’ difficili, ma, una volta entrati nel meccanismo, si viene assorbiti completamente dalla storia. Una storia strana, un po’ ingarbugliata, ma dolce e mai banale, la storia di un amore che nasce e cresce in circostanze surreali, ma, dietro la componente fantastica, fa trasparire tutti gli elementi di cui è composto l’amore, quello vero. Alla fine del libro ciò che rimane è proprio la straordinaria semplicità di un amore che a prima vista di semplice ed ordinario non ha proprio nulla: “Mi fa paura l’idea di perderti” dice Henry ad un certo punto e Clare divertita “Come potresti perdermi? IO non vado da nessuna parte!” “Mi preoccupa l’idea che tu ti possa stancare della mia inaffidabilità e lasciarmi” “Non ti lascerò mai” risponde Clare “Anche se tu mi lasci sempre”.

Paola Barioli

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.410 hits
Annunci