You are currently browsing the tag archive for the ‘Ian Hrovatin’ tag.

E’ calata la ghigliottina sul contratto di primo impiego e forse anche sulla testa del suo primo sostenitore, Dominique de Villepin.
Il primo ministro ha giocato il suo asso e la Francia ha risposto; gli studenti hanno vinto la  lotta di riconquista del proprio futuro, delle proprie certezze. Il voto dell’Assemblea nazionale del 12 Aprile ha celebrato l’allegro funerale del CPE, imposto, tra cori e danze, da una moltitudine trasversale che ha marciato nei boulevards, facendo cadere l’intonaco dai palazzi istituzionali per oltre due mesi.
Il CPE, assurto, nella mentalità collettiva, a nemico numero uno dei lavoratori, era stato concepito come soluzione alla feroce disoccupazione che colpisce i giovani francesi.
L’idea di base  era quella di sostituire i contratti a termine molto diffusi tra i giovani, offrendo una nuova formula di contratto indeterminato che prevedesse specifiche forme di tutela e garanzie al lavoratore. In caso di licenziamento e trascorsi almeno 4 mesi dall’assunzione, l’ex dipendente avrebbe avuto diritto a una cospicua retribuzione forfetaria, senza contare i vantaggi previsti dall’ormai defunta legge in materia di diritto alla formazione e facilitazioni per l’accesso a un casa. Un contratto per aiutare i giovani, insomma. Solo che prevedeva un certo “periodo di consolidamento dell’impiego”…24 mesi(due interi anni, si noti), durante i quali il contratto concedeva al datore di lavoro la pericolosissima facoltà di licenziare in qualunque momento, senza giusta causa o giustificato motivo un dipendente con meno di 26 anni.
Una legge per i giovani e da questi rifiutata, naturale: uno sente parlare di solidarietà verso i giovani e poi legge del consolidamento d’impiego, quale meraviglioso eufemismo! Chi l’ha concepito o era dotato di scarso senso dell’umorismo, o era uno capitato lì per caso, o credeva che  i tempi delle proteste fossero finiti e gli studenti tutti rimbecilliti a guardare O.C. Sbagliava profondamente.
Questa primavera francese ha dato una netta indicazione: gli studenti, figli e protagonisti dell’era moderna ne hanno rifiutato uno degli assunti più biechi, la precarietà. La rapida trasformazione dell’esperienza sociale del lavoro rischia, infatti, di destabilizzare un’intera generazione, e minare  le fondamenta e la credibilità del mondo che viene consegnato dagli adulti ai giovani. I primi che ancora siedono su una poltrona che è salda e cercano di spiegare ai secondi che le loro seggiole di plastica stenteranno a reggere e che è giusto così, perché questa è la modernità, dinamica, flessibile, precaria, e va accettata. E invece no. La flessibilità, è vero, nasce dall’esigenza di ridurre le rigidità che ostacolano la crescita di un’economia e della sua competitività. Tuttavia, non solo ha condotto a salari più bassi e ad una minor sicurezza dell’impiego, ma ha avuto talvolta effetti negativi sull’economia, in termini di riduzione della domanda di beni, a causa di più bassi livelli di reddito e maggior incertezza. Contrazione della domanda aggregata significa, inoltre, minore livello occupazionale. Se a tutto ciò si aggiunge che, per un paradosso logico, il lavoratore flessibile,con maggior probabilità di essere licenziato, riceve, in media, un salario più basso, allora diventano comprensibili i malumori, le frustrazioni di chi, dopo anni di studio matto e disperatissimo, si avvia claudicante verso il mondo del lavoro.
Il lavoro e la sua etica perdono il ruolo centrale nei processi sociali, detenuto nella società industriale. L’indebolimento  del lavoro come diritto, come strumento di partecipazione attiva alla società, non può che causare scompensi agli equilibri esistenziali di generazioni,soprattutto nei rapporti con le istituzioni. Da qui il sentimento di malessere che pervade i giovani, istruiti e post-industrializzati, molte lauree e poche certezze; dalla precarietà del lavoro ad un’esasperata precarietà dell’esistenza. Non si può lasciar correre una carrozza impazzita senza cocchiere. Così oggi non ci si deve limitare a mere strategie tecnico-economiche, un problema che prima che di numeri è fatto di persone, va gestito con politiche di ampio respiro, tali da curarne le piaghe di natura culturale e sociale. Lo Stato dimostri di pensare ai propri figli e se ne faccia carico: se flessibilità dev’essere, allora vi siano anche maggiori misure di protezione sociale. E in questo clima l’Università assuma il ruolo che le spetta, stendendo un terreno culturale di riflessione adatto all’ascolto dei giovani e delle loro difficoltà, per restituire fiducia e sentimento del futuro a coloro che lo dovranno costruire.
Chiedetevelo, in che mondo vogliamo vivere?

Ian Hrovatin

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.648 hits