You are currently browsing the tag archive for the ‘lezioni’ tag.

Quanto costa accedere alla biblioteche della London School of Economics? oppure seguire un corso di Political Philosophy a Yale? Niente, perché oggi è gratis (e possibile).

Vi siete mai chiesti che cosa avranno le più blasonate università anglofone da richiedere rette criminali? cosa potranno avere loro, che noi, forse, non abbiamo? Oggi, si può farsi un’idea.

È risaputo che il mondo accademico si sta volgendo sempre di più alle nuove tecnologie, una conferma data dall’accordo tanto storico quanto controverso tra gli editori statunitensi e Google (prevede la digitalizzazione delle biblioteche universitarie americane). Infatti, stanno emergendo opportunità, non solo più accessibili, ma anche gratuite. È il caso di Itunes U, una piattaforma dedicata a scuole e università, offerta – purtroppo – dal famoso marchio Apple. Le opportunità che offre questo database (enorme) sono a dir poco sorprendenti: accedendo al Itunes Store del programma, basterà digitare il nome di una materia per ritrovarsi corsi registrati, lezione per lezione, delle migliori università americane e britanniche. Un esempio: avete appena finito di seguire il corso di Filosofia della Politica e, un po’ per quella tipica hybris studentesca, pensate che si poteva fare ben altro (se non meglio); a questo punto, vi domandate come l’avrebbero trattata all’estero. Il confronto diventa facile: entrate su Itunes, accedete al Itunes Store e digitate “Political Philosophy”. Il primo risultato sarà il corso di 24 lezioni di Filosofia della Politica della University of Yale. Questa giochetto lo si può ripetere anche con altre università come Harvard, Oxford, Stanford ecc.

Oltre a questa interessante possibilità, si trovano singole lectures dei più noti accademici e conferenze registrate(anche in italiano!). Per esempio, se siete interessati a all’economista Amartya Sen, basterà digitare nel programma le parole chiave, e vi compariranno una decina di lezioni (anche con video) tenute dal premio Nobel. Un giochetto che si può ripetere anche per materiale nostrano: si possono trovare dalle “Lezioni di Storia Laterza” (di cui vorrei segnalare una straordinaria lezione sul Maxiprocesso del 1986 di Salvatore Lupo) alle “Lezioni di Filosofia” di Salvatore Natoli. Insomma, un vero e proprio sconfinato database dove, se prenderete mano, vi ritroverete a scaricare ore e ore di materiale.

Un altro strumento interessante, in particolare per ricerche tesi, è il Caronte. Per capire la sua utilità, bisogna sapere che l’Università di Trieste è abbonata a migliaia di periodici on-line (come “European journal of international relations” o “African Studies Bulletin”) e banche dati (come la IBSS, giustappunto, la biblioteca della LSE), che sono accessibili solo se connessi alla rete della università. Pertanto, per accedere a queste risorse si hanno due possibilità: o si è presenti, fisicamente, all’università (connettendosi con un computer dell’aula informatica o alla rete wifi UniTS) oppure si utilizza un sistema VPN (Virtual Private Network), nel nostro caso, il Caronte. Quindi, quest’ultimo è un ponte che permette di collegare un computer alla rete dell’università, anche se utilizzate la linea ADSL di casa vostra. In poche parole, si accede a tutte le risorse a cui è abbonata l’università, non muovendosi di casa. Utilizzare Caronte, non è troppo complicato. Il primo passo è accedere al sito caronte.units.it ; scrivete le vostre credenziali e, una volta entrati, seguite passo a passo le istruzioni del sito (tra cui l’installazione dell’affidabile programma Cisco VPN IPSec). Dopo aver eseguito tutta la procedura, rientrate di nuovo nel sito del Caronte e cliccate, partendo da sinistra verso destra, alla terza icona che troverete in alto a destra. Questa aprirà una piccola finestra e, a fianco della scritta “Biblioteca (S.B.A)”, schiacciate il pulsante GO, che vi porterà al sito del Sistema Bibliotecario dell’Ateneo. A questo punto – connessi alla rete UNiTs comodamente da casa vostra – potete accedere a tutte le sterminate risorse che troverete nei link “Banche dati” e “Catalogo periodici elettronici”. In questi due motori di ricerca troverete milioni di pagine di PDF, tutte scaricabili gratuitamente. Tuttavia, per quanto utile possa sembrare, Caronte non ha pochi problemi. E’ da dire che è una tecnologia che, da una parte viene sottovalutata e, dall’altra, sottosviluppata. Spesso la connessione in certe banche dati, come JSTOR, è mortalmente lenta e può capitare che in certi periodi non funzioni del tutto. Ma il problema più grosso rimane la gestione del materiale: solo nell’area umanistica dei periodici accademici, sono digitalizzate più di 5000 mila riviste; il problema diventa come trovare il materiale che serve.

D’altro canto, Itunes U, per quanto possa avere questi grandi nomi, non potrà mai sostituire un reale corso accademico, né tantomeno rappresentarlo (se non parzialmente). I corsi sono spesso o propedeutici alla materia (es. Political Philosophy di Yale) oppure estremamente specifici (es. Nietzsche on Mind and Nature di Oxford) . Ma, in ogni caso, sia Itunes U che Caronte sono dei strumenti da tenere in considerazione.

Luca Magonara

La ripresa delle lezioni è ormai vicina, più o meno tutti tra poche settimane ci ritroveremo sotto gli alberi del PUG a godere ancora un po’ della loro ombra o a proteggerci dalla pioggia. Questo è il primo, timidissimo, benvenuto alle nuove leve, matricole, studenti e studentesse, che iniziano il loro primo anno al SID. Ed è anche un primo, timido, benvenuto ai nuovi studenti di architettura, che contribuiranno a popolare un po’ di più l’università e la città.
E questo è il primo, timido annuncio per il prossimo numero di Sconfinare. Faremo di tutto per riuscire a trovarci tra le vostre mani la prima settimana di corso, ma riprendere dalle vacanze richiede sempre un notevole sforzo organizzativo. Non preoccupatevi, non tradiamo mai i nostri lettori, manteniamo sempre le nostre promesse, vero?
Concludo ricordando che la redazione è un gruppo aperto, a tutti, sempre più internazionale e internazionalmente presente. Troverete presto gli annunci per la prossima riunione: venite, vedrete e scriverete.
Alzatevi e scrivete!
Buon nuovo anno, buoni esami, buona scrittura tesi e buona pesca (che si augura sempre).

Diego
diego.pinna@sconfinare.net

Essere immediati, sobri. Esprimersi con parole semplici, privilegiare un periodo scorrevole. In una parola: scrivere bene, la più alta manifestazione di filantropia cui si possa aspirare. A Beppe Severgnini l’onore di averlo capito prima degli altri e quello di aver stilato con buon gusto ed ironia un valido vademecum per il virtuoso della parola, e dei rapporti sociali. “Ho scritto ‘L’italiano. Lezioni semiserie’ per denunciare le violenze contro la nostra lingua, ma non chiedo condanne. Lo scopo è la riabilitazione. Scrivere bene si può. L’importante è capire chi scrive male, e regolarsi di conseguenza. Questo è un libro ottimista, e ha un obiettivo dichiarato: aiutarvi a scrivere in maniera efficace (un’e-mail, una relazione, una tesi o un breve saggio: la tecnica non cambia)”.

E come promesso, ecco che scorrere le pagine della più completa tra le grammatiche italiane -se di mera grammatica si può trattare- è come purificarsi dai sette vizi capitali, linguisticamente parlando.

Ira: chi non ha mai provato quella particolare agitazione nervosa che ti assale ogni volta che, impantanato in un vortice di intricatissime subordinate, ti ritrovi a soffrire di tic, apnea mentale, perdita di memoria, shock visivi, nausee improvvise? Ma soprattutto, potresti essere tu stesso fonte di siffatta irritazione? Se hai anche solo il minimo dubbio (o peggio, se proprio non ce l’hai) devi dare un’occhiata al Decalogo Diabolico, la Lista delle perversioni verbali più diffuse.

Accidia: atteggiamento di rinuncia di fronte al dilagare di forme linguistiche palesemente irragionevoli ma irragionevolmente abusate. Ne soffri se ti accontenti di usare parole che hanno conquistato il lustro della ribalta per l’autunno/inverno 2009. Nel senso che il banco di prova dell’opinione pubblica è un’impressione personale piuttosto che la sincera verità? Assolutamente sì! Mah…

Lussuria: ne è affetto l’amante dell’erotismo verbale, l’edonista che si perde nella ricerca di vocaboli pomposi e gustosi, pleonastici ed orgiastici, vanitosi, e per l’appunto lussuriosi . L’effetto sperato non tarda ad arrivare: impreziosire troppo annoia.

Gola e Avarizia: moti speculari di una medesima distorsione. Il goloso osserva la lingua come fosse il cesto della merenda: una bella spalmata di punteggiatura qua, una sorsata di diminutivi là, assaggia questo panino ben farcito di che! Occhio alla digestione, però. L’avaro invece disdegna il piacere di mettere un punto chiarificatore, è infastidito dal respiro della virgola e se può rimane a digiuno, anche di lettori.

Superbia: potresti rivelarti un superbo se con quotidiana arroganza violenti la grammatica italiana e ti meravigli di qualche coraggioso linguista che osa denunciarti. Beneficenza? acquiescenza? mangerò arance e ciliegie? e allora c’impegniamo? secondo coscienza! L’importante è dubitare sempre con il congiuntivo; ma si sa, il superbo vive all’indicativo.

Invidia: questo vizio è uno dei più diffusi nella moderna società globale. Completamente vinto dalla concorrenza, l’invidioso copia spudoratamente le espressioni di matrice inglese e cerca di inserirle con disinvoltura nel discorso; film e computer passino, ma diffidiamo di chiunque abbia una mission o una vision, Severgnini si raccomanda.

Insomma, siete animi delicati oppressi dal timore di distruggere con asfittici sillogismi la serenità di chi vi dedica il proprio tempo? Avete sempre desiderato insorgere contro chi lesina in magnanimità ed eccede in sproloqui, sordo ai lamenti della lingua che si contorce su se stessa? Allora leggetevi quest’altalena di buoni consigli e ferrei divieti. Vero inno alla pace dei sensi, ‘L’italiano. Lezioni semiserie’ è il libro giusto per chi vuole migliorare il proprio rapporto con la parola muta facendosi una sonora risata; è il regalo giusto per chi desidera aiutare uno scrittore in erba mitigandolo con la comicità dell’errore maccheronico; ed è la prova giusta per chi, povero illuso, non dubita mai del proprio italiano. Il percorso è costellato di sadoquiz e masotest ma la riabilitazione, per fortuna, è assicurata.

Valeria Carlot

valeria.carlot@sconfinare.net

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.474 hits