You are currently browsing the tag archive for the ‘periodo’ tag.

Per chi esce ora dal mondo universitario, è molto difficile trovare subito un posto di lavoro e molte esperienze offerte non prevedono nessuna forma di retribuzione. Sondando il terreno poi, si vede che nel mondo del lavoro a livello internazionale, soprattutto in cooperazione, vengono sempre richiesti almeno due anni di esperienza. Come fare a maturarli? Le possibilità sono allora due: o attraverso un volontariato gratuito. O attraverso programmi che prevedono forme di rimborso ma che, soprattutto, possono essere un’esperienza unica di vita. Tra queste, sicuramente vi è il servizio civile. Disciplinato con legge64/2001, il servizio civile è un programma per promuovere la solidarietà sociale ma anche la formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani dai 18 ai 28 anni.

L’Ente Nazionale per il Servizio Civile ogni anno raccoglie da ONG e enti di solidarietà di tutt’Italia progetti nazionali ed internazionali e pubblica un bando con i progetti che intende finanziare. Il bando 2010, pubblicato il 3 settembre scorso e chiusosi il 4 ottobre, ha aperto le selezioni da parte delle ONG promotrici per 19.627 posti da volontario per 12 mesi in Italia e nel mondo.

Chi può partecipare? Tutti i cittadini italiani tra i 18 e i 28 anni che vogliono compiere quest’esperienza. In Italia, può essere un’occasione per svolgere un ruolo importante nella propria città in contemporanea ai propri studi. Il servizio civile nazionale prevede uno stipendio di 433 euro al mese. All’estero, può essere un’occasione formativa per chi come noi ha studiato relazioni internazionali. I settori di impiego sono tanti: da quello educativo, a quello sanitaria, passando dai settori economico, di sviluppo rurale o logistico. Il servizio civile garantisce al volontario all’estero i 433 euro di base, più 15 euro giornalieri per il periodo svolto all’estero, ai quali si aggiungono il volo andata/ritorno, un volo nel mezzo dell’anno, il vitto e l’alloggio.

Chi decide di fare domanda – per una ed unica destinazione – deve inviare la documentazione richiesta all’ente promotore che valuterà le esperienze curriculari su un punteggio di 50. Successivamente, tutti coloro che hanno presentato domanda devono passare un colloquio orale presso la sede dell’ente che viene valutato su un punteggio di 60. Si può infine essere valutati come idonei selezionati, idonei non selezionati o non idonei. In questo senso, è consigliabile vedere in anticipo quali sono i requisiti dello specifico progetto, soprattutto in relazione alle lingue straniere per i progetti esteri.

Nel caso in cui si fosse idonei non selezionati, potrebbe esserci un eventuale e non garantito “ripescaggio” per eventuali posti rimasti vacanti all’interno dell’ente promotore.

Per quest’anno i giochi sono chiusi: i selezionati inizieranno a febbraio. Per i selezionati per l’estero, è previsto un periodo di formazione variabile in Italia prima della partenza.  Ciò nonostante, è bene seguire già da subito i progetti esistenti ed interessarsi alle iniziative portate avanti dai diversi enti promotori in previsione del prossimo anno. Molte volte la conoscenza dell’ente promotore può essere un punto di valutazione in più per chi presenta domanda. Inoltre, la Federazione FOCSIV ma anche le singole ONG che fanno parte della Federazione e altre ONG organizzano incontri informativi sul tema del servizio civile e può essere interessante approfondire l’argomento.

Per ulteriori informazioni, vi segnalo il sito dell’ente nazionale, http://www.serviziocivile.it, il sito della FOCSIV http://www.focsiv.it e la mia mail è a vostra disposizione per qualsiasi ulteriore dubbio

Annunci

Quando a mancare sono le soluzioni

Lo sport più praticato in Italia non è mai stato il calcio. No, è sempre stato la capacità di criticare. Siamo i primi al mondo per criticare e auto criticare, insuperabili e instancabili adoratori del bicchiere mezzo vuoto, mai contenti e mai soddisfatti. Qualunque risultato è sempre arrivato ‘ad un costo sempre esagerato’ dunque con i ricorrenti miti della Vittoria Mutilata o della Vittoria di Pirro, scegliete voi.

Non dirò nulla di straordinario parlando delle critiche che circolano in questo periodo. L’Italia è sotto attacco. Come non lo sapevate? Una coalizione di nazioni straniere ha da tempo dichiarato guerra alla nostra amata patria. I leghisti pensando di sfruttare la situazione hanno già pensato di avviare

freedomhouse[1]

trattative separate, firmare la pace e inaugurare la tanto agognata Repubblica Padana. Sfogliare i giornali in questo periodo è una continua tragedia, migliaia e migliaia di parole spese a parlare degli attacchi giornalmente subiti dalle nostre bonificate pianure, dalle nostre fertili colline e dalle nostre bianche e italianissime montagne.

Effettivamente però (ah, il bicchiere mezzo vuoto) a mancare sarebbero solo le vittime di questa guerra. Eppure ci sono, anzi c’è. Ma si sa, dalla storia non si impara mai nulla. Non sono bastate le violenze, i soprusi, le angherie sopportate dagli ebrei, dai palestinesi, dalle popolazioni balcaniche, dai tibetani e dalle numerose etnie africane. Noi adoratori del bicchiere mezzo vuoto, siamo riusciti a trovare qualcosa per cui lamentarci ancora di più.

L’Italia è sotto attacco nella sua Italianità, con la I maiuscola. E la nostra italianità è messa in crisi dalle continue critiche e spregiudicati attacchi effettuati contro il primo rappresentante di tale Italianità, sempre con la I maiuscola. L’Italia è sotto attacco perché è il nostro Presidente del Consiglio ad essere sotto attacco. Ecco la vittima di questa guerra. L’unico oggetto di così tante persecuzioni, tanto da potersi (auto)definire “senza alcun dubbio la persona che è stata più perseguitata nella storia del mondo intero e dell’umanità”… Ora, in questo articolo ho già detto stupidate a sufficienza che potrei andare in pensione in questo momento. Anzi, potrei candidarmi (e vincere le elezioni) come parlamentare di un qualunque partito di un qualunque colore.

La domanda che mi sono posto spesso in questo periodo è stata: come è possibile pensare che attaccando il Presidente del Consiglio Italiano, l’italiano possa sentirsi offeso nella sua italianità? Ma, onestamente, come è possibile pensare che una persona come il nostro attuale Presidente del Consiglio Italiano possa rappresentare l’Italianità? Non voglio fare anti-berlusconismo da quattro soldi, ci sono fin troppi giornalisti per questo. Riflettendo su tale aspetto sono arrivato alla conclusione che le critiche che l’Italia subisce in questo periodo non siano indirizzate semplicemente e in esclusiva al miglior Presidente del Consiglio degli ultimi 150 anni, nonostante lui si impegni per essere sempre al centro dell’attenzione.

Quegli attacchi sono provocati dalla Nostra incapacità di essere popolo, essere nazione, essere civili ed essere in grado di scegliere. Che cosa? Sicuramente una classe politica responsabile.

L’anti-berlusconismo, come già detto, lo metto da parte, sarebbe come sparare sulla Croce Rossa (e mi scuso per il paragone, non vorrei mancare di rispetto ai volontari). Non voglio difendere il PD che fa finta di andare alla deriva: i comandanti (quelli veri) ci sono veramente e il timone è in mano loro. Non voglio nemmeno fare il grillino e attaccare “la casta”: è esclusivamente colpa dell’elettorato se certe persone ora possono vantare il titolo di Onorevole e non pagano il conto del ristorante (perché i signori Onorevoli non pagano il conto al ristorante). Chiunque ha trovato posto in Parlamento è stato votato da un numero sufficiente di persone che hanno trovato in lui una persona degna di fiducia che possa portare i loro interessi a Roma (e questo vale da nord a sud – Padania compresa).

Vorrei precisare a caratteri cubitali un piccolo particolare: qui non si tratta di attaccare una parte o di difenderne un’altra. È giunto il momento di rendersi conto del baratro in cui ci troviamo. Lo dico e lo ribadisco che parlo senza colore politico.

In questo momento della nostra storia Italiana e Repubblicana, iniziata perché abbiamo pagato un salatissimo conto, è il momento di rendersi conto di quali siano le priorità della nazione (si, è ora di considerare l’Italia una nazione, anzi Nazione), quali gli interessi personali di qualcuno e quali gli interessi personali di pochi. Differenziare queste tre categorie e iniziare a lavorare per le cose che contano veramente: quelle di tutta la popolazione.

E allora da qualche parte bisogna pur iniziare. Dovremo risistemare il bilancio dello stato, riuscire a portare sotto controllo il debito pubblico, recuperare quell’enorme porzione del PIL che viene eufemisticamente chiamata economia sommersa e avviare una riqualificazione della spesa pubblica.

Anzi chiamiamo le cose con il loro nome: dobbiamo eliminare gli sprechi. Ci siamo abituati a vedere ogni giorno fin troppi sprechi, e non parlo degli sprechi che vede Brunetta nei finanziamenti per la cultura (spiccioli che vanno bene per un po’ di populismo). Parlo del numero di auto-blu che portano i Signori Onorevoli dal ristorante a prendere l’aereo (che non paga, perché i Signori Onorevoli non pagano nemmeno i biglietti aerei) – circa 624 mila unità contate nei primi 6 mesi del 2009; parlo degli sprechi di tempo e di denaro dovuti e causati dai sindacati, che anche questo sia ben chiaro, svolgono una funzione fondamentale e indispensabile nella nostra Italia Repubblicana, ma è da troppo tempo che i loro costi superano di gran lunga i benefici e fanno politica quando invece dovrebbero focalizzare le loro attenzioni sul proteggere le categorie più svantaggiate e più a rischio.

Sfortunatamente siamo abituati a vedere tutti i giorni sprechi di questo genere, che non ci sorprendiamo più e cosa ancor peggiore non ci scandalizziamo più, non protestiamo più, non ci interessiamo più, non ci informiamo più.

Ed ecco apparire magicamente un ultimo spreco. La libertà di stampa in Italia appare alle volte come un vero e proprio spreco. Da una parte perché sono innumerevoli i casi in cui tale libertà viene abusata e violentata per esercitare una propaganda di basso, scarso, infimo livello, per proteggere l’interesse di quel qualcuno o di quei pochi. Dall’altra parte perché tante, tantissime volte è veramente penoso e triste vedere tante persone, lavoratori, pensionati, politici, dipendenti pubblici, professori e studenti che sprecano la possibilità di ragionare liberamente con la propria testa e che decidono di non leggere più i giornali, non leggere più libri, ascoltare o leggere approfondimenti tecnici di un argomento di attualità. E scelgono invece di affidarsi al Tgcom o allo Studio Aperto nella pausa tra il primo e secondo tempo del film in prima serata per rimanere “informati”. Mah.

Allora sprechiamo parole e aria per parlare del secondo uomo più perseguitato della storia, perché il primo è troppo impegnato a non farsi processare come qualunque altro cittadino (almeno quel diritto lasciamolo ai Signori Onorevoli). Sprechiamo parole per parlare della crisi economica peggiore dal 1929 e dei modi che non stiamo attuando per poterne uscire il più velocemente possibile. Sprechiamo parole per parlare di fantomatici attacchi che una coalizione di nazioni straniere, e i loro giornali nazionali, stanno scagliando contro i migliori rappresentanti da oltre 150 anni della nostra povera Italia.

Italiani stringiamci a coorte contro il nemico che senza alcun rispetto osa attaccarci (là dove ci fa più male).

Diego Pinna
diego.pinna@sconfinare.net

Per capire l’immigrazione a Gorizia anche da un punto di vista quantitativo, abbiamo chiesto alla Prefettura i dati riguardanti le richieste dello “Status di rifugiato” avanzate ed esaminate dalla Commissione Territoriale negli ultimi 15 mesi.

Leggi il seguito di questo post »

Leggi il seguito di questo post »

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.380 hits
Annunci