You are currently browsing the tag archive for the ‘posto di lavoro’ tag.

Per chi esce ora dal mondo universitario, è molto difficile trovare subito un posto di lavoro e molte esperienze offerte non prevedono nessuna forma di retribuzione. Sondando il terreno poi, si vede che nel mondo del lavoro a livello internazionale, soprattutto in cooperazione, vengono sempre richiesti almeno due anni di esperienza. Come fare a maturarli? Le possibilità sono allora due: o attraverso un volontariato gratuito. O attraverso programmi che prevedono forme di rimborso ma che, soprattutto, possono essere un’esperienza unica di vita. Tra queste, sicuramente vi è il servizio civile. Disciplinato con legge64/2001, il servizio civile è un programma per promuovere la solidarietà sociale ma anche la formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani dai 18 ai 28 anni.

L’Ente Nazionale per il Servizio Civile ogni anno raccoglie da ONG e enti di solidarietà di tutt’Italia progetti nazionali ed internazionali e pubblica un bando con i progetti che intende finanziare. Il bando 2010, pubblicato il 3 settembre scorso e chiusosi il 4 ottobre, ha aperto le selezioni da parte delle ONG promotrici per 19.627 posti da volontario per 12 mesi in Italia e nel mondo.

Chi può partecipare? Tutti i cittadini italiani tra i 18 e i 28 anni che vogliono compiere quest’esperienza. In Italia, può essere un’occasione per svolgere un ruolo importante nella propria città in contemporanea ai propri studi. Il servizio civile nazionale prevede uno stipendio di 433 euro al mese. All’estero, può essere un’occasione formativa per chi come noi ha studiato relazioni internazionali. I settori di impiego sono tanti: da quello educativo, a quello sanitaria, passando dai settori economico, di sviluppo rurale o logistico. Il servizio civile garantisce al volontario all’estero i 433 euro di base, più 15 euro giornalieri per il periodo svolto all’estero, ai quali si aggiungono il volo andata/ritorno, un volo nel mezzo dell’anno, il vitto e l’alloggio.

Chi decide di fare domanda – per una ed unica destinazione – deve inviare la documentazione richiesta all’ente promotore che valuterà le esperienze curriculari su un punteggio di 50. Successivamente, tutti coloro che hanno presentato domanda devono passare un colloquio orale presso la sede dell’ente che viene valutato su un punteggio di 60. Si può infine essere valutati come idonei selezionati, idonei non selezionati o non idonei. In questo senso, è consigliabile vedere in anticipo quali sono i requisiti dello specifico progetto, soprattutto in relazione alle lingue straniere per i progetti esteri.

Nel caso in cui si fosse idonei non selezionati, potrebbe esserci un eventuale e non garantito “ripescaggio” per eventuali posti rimasti vacanti all’interno dell’ente promotore.

Per quest’anno i giochi sono chiusi: i selezionati inizieranno a febbraio. Per i selezionati per l’estero, è previsto un periodo di formazione variabile in Italia prima della partenza.  Ciò nonostante, è bene seguire già da subito i progetti esistenti ed interessarsi alle iniziative portate avanti dai diversi enti promotori in previsione del prossimo anno. Molte volte la conoscenza dell’ente promotore può essere un punto di valutazione in più per chi presenta domanda. Inoltre, la Federazione FOCSIV ma anche le singole ONG che fanno parte della Federazione e altre ONG organizzano incontri informativi sul tema del servizio civile e può essere interessante approfondire l’argomento.

Per ulteriori informazioni, vi segnalo il sito dell’ente nazionale, http://www.serviziocivile.it, il sito della FOCSIV http://www.focsiv.it e la mia mail è a vostra disposizione per qualsiasi ulteriore dubbio

In questo periodo siamo andate più volte a visitare i ragazzi che soggiornano alla Caritas di Gorizia, ragazzi in attesa dei permessi, dello status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria. Da mesi ormai a Gorizia si vedono girare sempre più ragazzi stranieri, la maggior parte africana, e molti di noi non sanno chi siano: alcuni li vedono come una minaccia per il proprio posto di lavoro, altri come dei malintenzionati venuti qui per delinquere ( e su questo i mezzi d’informazione danno un forte aiuto).  Loro sono qui invece per motivi molto diversi: c’è chi fugge da un paese in guerra, chi fa parte di una minoranza maltrattata nel proprio paese, chi cerca una via d’uscita da una vita piena di povertà, ma priva di prospettive. E’ per questo che abbiamo trovato giusto far descivere a loro stessi la loro storia, i loro sentimenti, perché crediamo sia il modo migliore per far capire che cosa c’è dietro l’”emergenza immigrati”.

Per motivi di riservatezza i nomi verranno cambiati, anche perché per molti di loro il procedimento inerente il loro caso è ancora in corso, e preferiscono non esplicitare e proprie generalità.

Mi chiamo Giovanni, ho 26 anni e vengo da un villaggio del Mali. Sono figlio unico, mia madre ha 56 anni, fa la casalinga e è sola. Nel villaggio facevo l’agricoltore e coltivavo il mango. Il lavoro era pesante ma lo facevo volentieri anche se non mi permetteva di guadagnare molto. Nel villaggio ci si conosce tutti ma la miseria è grande. Io non sono sposato, ma avevo una fidanzata che si chiama Chiara che ho dovuto lasciare in Mali per cercare una sistemazione migliore in Italia. Qui spero di trovare lavoro, ad esempio come operaio in fabbrica e con il tempo desidero ritornare a casa.

Qui a Gorizia sono ospite della Caritas con molti altri stranieri provenienti dal Mali come me, dal Niger, dall’Afghanistan. Sono arrivato in Italia otto mesi fa: sono partito dal Mali nel mese di settembre del 2008 con una macchina verso l’Algeria, da cui ho proseguito il mio viaggio con un’altra macchina fino in Libia. Dalle coste libiche sono partito su una barca insieme ad altre 74 persone e una volta arrivato a Lampedusa, dopo soli due giorni sono stato trasferito in aereo a Ronchi dei Legionarie successivamente a Gradisca d’Isonzo. Nel CARA di Gradisca sono rimasto sette mesi,e da un mese sono uscito e vivo grazie all’aiuto della Caritas. Nel frattempo sto aspettando il giudizio della Corte di Trieste in riguardo al mio caso; se il risultato dovesse essere negativo e io volessi ricorrere in appello, dovrei pagare più di 300 euro e io non li ho, anche perché il permesso di soggiorno che ho in questo momento non mi permette di lavorare.

Mi chiamo Ahmad e vengo dalla Turchia. Ho 26 anni e dopo un lungo e faticoso viaggio in camion sono arrivato in Italia. Il mio lavoro era di decorazione interna ed esterna delle case. Sarei rimasto volentieri in Turchia, lì avevo una fidanzata che si chiama Aynur ed è studentessa universitaria. La mia venuta in Italia è dovuta a seri motivi politici . Nella mia città natale  ho lasciato la mia famiglia composta dai miei due genitori e dalle mie tre sorelle . Spero di ottenere presto il permesso di soggiorno e di trovare un lavoro in Italia.

Mi chiamo Amadou, sono del Niger e sono in Italia da un anno. Sono arrivato dalla Libia con una barca fino a Lampedusa, poi sono stato trasferito al CARA di Gradisca e dopo qualche mese mi hanno fatto uscire e, in attesa della valutazione del mio caso da parte del Tribunale di Gorizia e poi di Trieste, sono stato accolto dalla Caritas di Gorizia. Sono ormai mesi che vivo qui a Gorizia, passando il mio tempo tra la Caritas, l’ufficio del mio avvocato e la Questura, e non ho mai perso la speranza di ottenere il mio permesso di soggiorno. Ora però ho ricevuto il secondo rifiuto della mia domanda, e per provare un’ultima volta ho bisogno di pagare l’avvocato, ma di soldi non ne ho.

Io vorrei avere un documento solo per poi spostarmi in un altro paese in Europa, magari in Inghilterra, oppure andarmene negli Stati Uniti a studiare, dato che ho capito che l’Italia non ci vuole e che non c’è lavoro per noi. Ma senza quel documento non posso spostarmi, se vado a chiedere il permesso di soggiorno in un altro paese europeo mi rimanderanno qui, dove mi hanno preso le impronte, e la storia ricomincerà da capo.

Il prete del mio paese mi ha sempre detto che le cose accadono sempre per un motivo, sia quelle belle che quelle che ci fanno soffrire: io accetto gli eventi brutti della vita, ma questa volta è difficile, ho lasciato tutto per venire in Europa, è da un anno che sto qui in Italia, bloccato da dei documenti che non mi vengono dati, e non ho alcun genere di prospettive. A questo punto preferirei che mi rimandassero a casa, ci metterei del tempo, ma me ne farei una ragione. Restare in questa situazione di incertezza mi snerva, non dormo più di notte, e anche di giorno il pensiero è sempre fermo ai documenti, a che si può fare per ottenerli. La mia mente non si ferma mai.

Voi ragazzi siete fortunati, potete studiare, muovervi in Europa, potete farvi un’istruzione che vi darà una vita migliore. Sarebbe bello se lo potessi fare anche io.

Leonetta Pajer

I ragazzi Ospiti della Caritas di Gorizia

Lo sciopero con cui negli Usa i gay hanno risposto al referendum californiano
Il 10 dicembre si ricorda la morte del chimico svedese Alfred Nobel, il Papa San Milziade, la Madonna di Loreto, la morte di Pirandello ma la nascita dell’ambigua showgirl Eva Robin’s e l’uscita del xbox 360 in Giappone. Dovere di cronaca mi costringe a rimandare tutto ciò ad ulteriori successivi articoli e approfondire oggi ciò di più celebre e di maggiore importanza: l’anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo che nel 2008 ha compiuto i suoi 40 anni. Se l’articolo 2 ricorda che ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà di razza, di colore, di sesso, etc allora il quadro è più chiaro e capisco perché proprio questo ghiotto 10 dicembre la comunità, col nome tecnico, LGBT (Lesbiche Gay Bisessuali e Transgender) statunitense ha indetto uno sciopero di cui Wikipedia ancora non ha preso nota negli eventi del giorno ma che è da segnare del calendario della lotta per i diritti civili dei gay.

Il Day without a Gay è stato pensato in reazione al referendum californiano del 4 novembre che impedisce di fatto nello stato i matrimoni tra persone dello stesso sesso. E questo è il principio. Le motivazioni che comunque hanno spinto gli omosessuali d’America a scioperare e quindi a darsi non malati, “call in sick”, ma “gay” appunto,sono molteplici, slogan che canzona una legge in realtà in disuso ma tuttora vigente in alcuni stati degli Usa per cui un datore di lavoro è legittimato a licenziare un dipendente perché gay.

Così lo sciopero dal lavoro e anche, cosa non meno importante, dai consumi è iniziato all’alba di questo freddo mercoledì arcobaleno che ha visto moltissimi gay disertare il proprio posto di lavoro per seguire il consiglio, immagino, del pensionato per strada che alla vista di paillettes dei gaypride gridò “andate a lavurà”, i gai amici ci sono andati sul serio donando le propria giornata off ad associazioni di volontariato di ogni genere che facilmente potevano inserirsi nella lista del sito www.daywithoutagay.org .

Sì, il movimento era ben organizzato con un sito web dalla grafica semplice ed accattivante: sfondo nero con una mano arcobaleno, colore e marchio del movimento, che impugna la cornetta del telefono e dice “call in gay”; una mail per le associazioni di volontariato che rispondevano all’offerta di aiuto, e poche ed efficaci righe incentrate su cosa succedeva e perché, nessuna retorica e vittimismo, poco spazio alla polemica o all’esagerazione, insomma uno perfetto stile Armani, per nulla eccessi alla Dolce&Gabbana.

Quando presi coscienza di questa data da un programma radiofonico la mia mente cominciò a immaginare cosa significasse economicamente una cosa del genere: se tutti i gay degli Stati Uniti di ogni fascia lavorativa, di ogni sesso, di ogni età scioperassero e non comprassero nemmeno uno Starbucks per un giorno, quanto si bloccherebbe il paese?

Il Day Without Immigants nel 2006 non bloccò il motore statunitense ma sicuramente creò dei forti rallentamenti… ma per i LGBT è diverso, continuavo a pensare, in fondo essere gay non significa appartenere ad una nazione o una categoria: il capo d’azienda, il rettore, il tassista, il metalmeccanico e il medico, sono tutte posizioni chiave diverse con ruoli diversi che possono essere uniti da qualcosa di trasversale, allora se si mettessero tutti d’accordo insieme e compattamente, quale shock subirebbe la vita quotidiana di ogni cittadino?

Ho immaginato risultati apocalittici. Poi in realtà la trasversalità, la diversità di interessi, di ambienti e di bisogni, ha portato ad un risultato diametralmente opposto. La partecipazione è stata definita “spotty”. Un flop?

No, gli organizzatori commentano dicendo “Thank you for not punishing 100% of America with an economic meltdown because of what just 52% of California did not understand on November 4th” e sottolineano i due risultati che volevano ottenere: sensibilizzazione e visibilità da una parte, e rispondere a referendum antigay con un’iniziativa invece di amore e volontariato dall’altra.

Forse è l’arte di vedere il bicchiere mezzo pieno, o forse è semplicemente poco realistico pensare che siano una categoria compatta che possa realmente essere rappresentata da una sola richiesta, da una sola opinione e una sola croce nella scheda elettorale (i diritti civili spesso è emerso non sono ciò che spinge un gay a votare chi li promette in campagna elettorale). Ci sono evidentemente interessi più forti, o solo esigenze più importanti – infatti molti sono i blog a parlare di un’iniziativa elitaria, lanciata solo da e per chi si può permettere di rischiare un licenziamento per una giornata d’assenza giustificata da un call in gay.

E in Italia? Solo una manifestazione di fronte all’ambasciata americana, macché scioperi. In fondo ricordiamoci che “c’è la crisi”.

Gabriella De Domenico

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.485 hits