You are currently browsing the tag archive for the ‘teheran’ tag.

Il sofisticato programma di censura informatica iraniano è stato fornito da aziende europee. Quali sono le nostre responsabilità, o necessità, da europei nei confronti del regime di Teheran?

In una Teheran che profuma di boccioli di primavera, monossido di carbonio e aromi e veleni da Mille e una notte, lo scrittore persiano Shahriyar Mandanipour racconta, nel suo ultimo romanzo Censura. Una storia d’amore iraniana, le traversie d’amore tra Dara, aspirante regista e dissidente con trascorsi in galera, e Sara, giovane studentessa di letteratura.

Ambientato nell’attuale Iran dove due giovani non sposati non possono né incontrarsi né guardarsi negli occhi in pubblico, il romanzo si presenta come un’opera letteraria che da un punto di vista stilistico elude la censura governativa attraverso tecniche narrative – quali flusso di coscienza e autocensura dello stesso autore, che ha sbarrato le frasi considerate immorali dalle norme islamiche– e da un punto vista contenutistico descrive la storia d’amore tra due giovani iraniani che per comunicare scrivono messaggi in codice nei libri che amano: dal Piccolo Principe all’ Insostenibile Leggerezza dell’Essere, passando anche per i classici delle letteratura farsi come The Blind Owl.

Questa opera, oltre a essere diventato un caso editoriale per aver profetizzato la morte della studentessa Neda, è capace di delineare i contorni di una letteratura capace di aggirare una censura che nega libertà di parola, pensiero e sentimenti. Una situazione per cui, come sostiene Mandanipour, gli scrittori iraniani sono diventati i più educati, i più maleducati, i più romantici, i più pornografici, i più politici, i più realisti e i più postmoderni del mondo.

Oggigiorno, se una censura su tematiche politiche e morali riesce ad essere irretita da una letteratura sempre più complessa e creativa, non si può pretendere lo stesso esito in uno dei settori preponderanti delle società moderne: la censura informatica.

La censura informatica in Iran e Cina

L’articolo Iran’s Web Spying Aided By Western Technology,apparso sul Wall Street Journal lo scorso giugno, ha suscitato non poche polemiche sul coinvolgimento del consorzio europeo, formato da Nokia e Siemens, nel fornire il governo iraniano di un sofisticato sistema di censura e controllo di Internet. Questo sistema di filtraggio permette di scovare i dissidenti informatici attraverso email, chiamate telefoniche, immagini e messaggi di social-network come Facebook e Twitter. Lo spunto interessante di questa controversia non è tanto la similarità del sistema di censura informatica iraniano con quello cinese, considerato uno dei più avanzati al mondo, bensì i fornitori di tali strumenti.

In Cina è noto che La Muraglia di Fuoco – così soprannominato il sistema di censura – è stato assistito dai tre colossi dell’informatica americana: Microsoft, Google e Yahoo (quest’ultima resasi protagonista della più eclatante collaborazione con Pechino,avendo fornito alle autorità cinesi, tra il 2004 e il 2007,i dati personali dei suoi clienti, permettendo di individuare e arrestare gli utenti «indisciplinati»); tuttavia è ancora più nota l’interdipendenza economica e politica tra Pechino e Washington nel contesto geopolitico della Cinamerica. Quindi, non esistono solo i presupposti di un accordo tra colossi americani e Pechino per entrare nel mercato cinese, ma anche il consenso della dirigenza americana alla stabilità politica della Repubblica Popolare Cinese.

A questo punto, ci si dovrebbe domandare perché i fornitori del sistema di censura iraniano non siano americani, ma europei. Senza sottolineare la risaputa avversità statunitense al controverso programma nucleare iraniano, sarebbe da considerare il quadro di necessità energetica in cui l’Europa si ritrova.

Il gasdotto Nabucco e i rifornitori del Caucaso e del Caspio

Il progetto di gasdotto Nabucco – unico progetto alternativo all’attuale condizione di  dipendenza europea dal gas russo e naturale rivale dei gasdotti Gazprom North Stream e South Stream – si scontra con le numerose questioni riguardanti i fornitori di gas nell’area del Caucaso e del Mar Caspio.

Se i presidenti di Turchia, Georgia e Azerbaijan hanno firmato la dichiarazione finale per supportare il Nabucco al summit europeo sul SouthStream Corridor (Praga,maggio scorso),altrettanto non hanno fatto quelli di Kazakhstan, Uzbekistan e Turkmenistan. Il caso turkmeno è il più rilevante:

l’Unione Europea si è lasciata sfuggire i giacimenti della regione, considerati terzi al mondo stando alle stime della società di consulenza inglese Gaffney, Cline & Associates. Si tratta di una quantità , stimata dai 4000 miliardi di metri cubi ad un massimo di 14000 miliardi di metri cubi, finita in mani cinesi: alla fine di quest’anno il Turkmenistan comincerà a immettere gas attraverso la nuova pipeline turkmeno-cinese che attraversa la provincia dello Xinjiang. Un fatto che spiegherebbe la recente sponsorizzazione mediatica occidentale alle rivolte Uigure dalle origini, in realtà, decennali.

Se i rapporti tra l’Ue e i paesi filo-russi e cinesi nell’area caucasico-caspica si stiano dimostrando più complessi del previsto, quella dei paesi filo-europei non si presenta meno complicata. Nel 2014, con il termine del Nabucco, l’Azerbaijan farà partire i primi flussi di gas per  l’Europa attraverso il gasdotto BTC-SCP (Baku-Tbilisi-Ceyhan o South Caspian Pipeline) che sarà collegato al Nabucco; è uno scenario che presenta due problemi principali. Il primo è la quantità dei flussi: viene infatti stimato che il gas azero riuscirà a coprire solo il 5% del fabbisogno energetico europeo. Il secondo problema riguarda la particolare instabilità politica della Georgia, paese in cui passa il BTC.

L’invasione russa della Georgia (2008) è stato una prova di forza  che ha dimostrato l’impossibilità del ex satellite sovietico di esercitare politiche economiche autonome e la vulnerabilità del BTC. Infatti, da un lato lo stanziamento delle truppe russe nei porti georgiani di Batumi e Supsa ha bloccato l’esportazioni del greggio, dall’altro i bombardamenti russi del BTC, che lo hanno danneggiato solo in parte, sono stati un messaggio chiaro all’Ue e Usa (pratrocinatore del Nabucco). Come prospetta il rapporto Russia, Georgia and Energy security della Securing America’s Future Energy in caso di un inasprimento della situazione dei mercati energetici, il Cremlino, da prove di forza, può passare a un attacco diretto al BTC. Sono nuovi venti di guerra tra Russia e Georgia, fomentati non solo da futuri contesti energetici, ma anche dal rifornimento di armi al governo georgiano filo-occidentale di Saakashvili da parte di Ucraina, Israele e Nato.

La complessità e l’incertezza della situazione georgiana non può assicurare l’UE circa la possibilità dei giacimenti del Mar Caspio. In una logica stringente, l’unico paese che potrebbe assicurare una indipendenza energetica all’Europa è l’Iran, secondo paese al mondo per estensione di riserve di gas e appoggiato nel contesto internazionale dalla Russia.

Iran e il gasdotto Nabucco

Lo scorso luglio ad Ankara, è stato siglato l’accordo di transito del Nabucco da Turchia, Austria, Bulgaria, Ungheria e Romania. Secondo gli analisti di mercato, l’accordo nasconde l’inclusione dell’Iran in certi articoli. Infatti, la sezione 8 dell’articolo 2 dell’accordo definisce gli Initial Entry Points come the starting points of the Nabucco Project at any three points on the eastern or southern land borders of the Republic of Turkey as selected by Nabucco International Company, and, subject to agreement by the Nabucco Committee in consultation with Nabucco International Company, any other point at the eastern or southern Turkish border. The exact location of the Initial Entry Points at the respective borders is subject to the standard permitting and related authorization procedures.

La sezione mostra come l’Iran sia menzionata come uno dei tre, più uno opzionale, Initial Entry Points del Nabucco, evitando così di nominarli. Come un funzionario del Nabucco ha affermato al quotidiano turco Todays Zatman, l’articolo è concepito in modo tale da includere l’Iran solo in una fase avanzata del Nabucco, utilizzando l’espressione initial entry points piuttosto che supplier country. Questa scelta evita l’allusione a una potenziale coinvolgimento dell’Iran, per anticipare un potenziale blocco economico da Washington.

Inoltre, è da considerare che la BOTAŞ – compagnia nazionale turca dei gasdotti e partecipante al Nabucco – ha già pipeline collegate dall’Iran e Azerbaijan, dimostrando la reale vicinanza dell’Iran a diventare uno dei potenziali fornitori di gas dell’Ue.

Compresa l’importanza dell’Iran nel contesto energetico europeo, resta da intuire il motivo per cui aziende e paesi europei coinvolti nel progetto Nabucco siano volti a stabilizzare o mantenere lo status quo del regime iraniano. Le prime attraverso la fornitura del sistema di censura informatica e le seconde attraverso la condiscendenza ai brogli elettorali iraniani, riportati dal think tank britannico Chatam House. Tale tolleranza europea è da comprendere nei programmi elettorali degli avversari politici di Ahmadinejad. I tre sconfitti delle scorse elezioni iraniane sono i rappresentanti delle più importanti minoranze etniche: il leader dell’opposizione riformista Mousavi, nato nell’Azerbaijan orientale, è turco azero (24% della popolazione iraniana); mentre Karroubi – l’altro esponente dell’ala riformista – è luri (2% della popolazione). Il terzo candidato, il conservatore Rezai di origini arabe ahwazi (3% della popolazione), ha avuto un ruolo marginale a causa del ruolo dominante del più noto reazionario persiano Ahmadinejad.

Per comprendere la rilevanza delle minoranze etniche in Iran, basta considerare che i persiani rappresentano solo il 51% della popolazione iraniana. Il rimanente è composto da minoranze etniche che variano – oltre a quelle già citate – dai Gilaki ai Mazandarani (8% della popolazione) fino  ai Curdi (7% della popolazione), i Baluci (2% della popolazione) e i Turkmeni (2% della popolazione): un contesto di minoranze articolato e complesso da governare.

Durante la campagna presidenziale, Mousavi ha dichiarato pubblicamente che la diversità etnica dell’Iran deve essere accolta con benevolenza, asserendo che attraverso la storia, le minoranze etniche dell’Iran hanno vissuto in una pacifica coesistenza e che quindi non possono essere considerate come un problema di sicurezza [NdA s’intendono i movimenti separatisti Curdi a nord e i Baluci a sud-est]. Inoltre ritiene che non ci dovrebbero essere delle speciali restrizioni sulle minorità della Repubblica Islamica.

Se l’ala riformista iraniana ha cercato un dialogo e l’appoggio elettorale delle minoranze, il governo di Ahmadinejad,invece, ha utilizzato il pugno di ferro verso queste.

Come riportato dal Annual Report on International Religious Freedom (2008) il governo iraniano è colpevole di discriminazioni sessuali, etniche e religiose. In particolare nei confronti dei credenti Baha’is, sottoposti a detenzioni, persecuzioni e minacce sulla base del loro credo religioso.

L’idea di una fratellanza tra i popoli iraniani, proposta dai riformisti – ritenute più o meno credibili dalle stesse minoranze – potrebbe generare degli scenari futuri economici e  politici svantaggiosi per l’Europa: da anni gli Arabi Ahwazi maggioritari nella regione del Khuzestan – ricca di giacimenti petroliferi e gasiriferi, tra cui l’ Azadegan, il più grande giacimento scoperto negli ultimi 30 anni – denunciano la mancata ridistribuzione dei proventi del greggio e il reinvestimento di questo nello sviluppo dell’economia locale. Se da un lato, assecondare le richieste Curde significherebbe allentare la presa sul Pejak – ramo iraniano del Pkk/Kadek –, dall’altro porterebbe Teheran a essere in rotta di collisione con Ankara. La dura repressione dei movimenti separatisti curdi accomuna le due nazioni.

Il punto centrale della questione è che se avessero vinto i riformisti, le politiche economiche iraniane, sarebbe state più nazionaliste. Quindi la stabilizzazione del governo di Ahmadinejad rappresenterebbe per l’Europa, intesa come insieme di politiche estere degli stati nazionali aderenti al Nabucco e degli interessi delle lobby energetiche europee, una garanzia circa le quantità di gas prefissate dal Nabucco e quindi a una totale o parziale indipendenza energetica europea dalla Russia.

Ci sarebbe da domandarsi se dietro ai riformisti Mousavi o Karroubi ci sia l’ombra del primo ministro iraniano Mossadeq, destituito dalla Cia e dai servizi segreti britannici nel 1953 per aver tentato di nazionalizzare la compagnia petrolifera inglese AIOC (Anglo-Iranian Oil Company, oggi BP). Ma forse dovremmo prima capire che Il sogno europeo, così come concepito da J. Rifkin, che vede l’Ue come una nazione dispensatrice di pace e stabilità politica attraverso una deontologia politica, non è tramontato: semplicemente non è mai esistito.

Luca Magonara

Per presentarvi Ramin Bahrami vi direi che è un pianista iraniano. Ma lui dice che non gli piace il pianoforte e che non è iraniano. Preferisce piuttosto definirsi un musicista cosmopolita. Suo padre era per metà iraniano e per metà tedesco, la madre turco-russa. Ramin Bahrami fa parte di quella generazione di Iraniani raccontata da Marjane Satrapi in Persepolis, quella che nasce sotto la monarchia dello Scià Reza Pahlavi, che vive la rivoluzione islamica di Khomeini, che cresce durante la guerra contro Saddam, e che si trova poi di fronte alla difficile scelta di lasciare il proprio paese per poter vedere realizzati i propri sogni. Ho incontrato Bahrami nei camerini del Teatro Verdi di Gorizia, dove ha suonato il 23 ottobre con l’Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia diretta da Andres Mustonen. Il programma prevedeva il pezzo Oriente Occidente del compositore contemporaneo estone Arvo Pärt, la Sinfonia n. 2 di L. van Beethoven, e il Concerto n. 20 in re min. KV 466 per pianoforte e orchestra di W.A. Mozart, con al pianoforte R. Bahrami.

Bahrami nasce a Teheran nel 1976 e all’età di 11 anni lascia l’Iran per l’Italia accompagnato dalla madre, dopo che il padre Paviz, ingegnere sotto lo Scià, viene arrestato con l’accusa di essere un oppositore del regime. Paviz morirà in carcere nel 1991 e il referto ufficiale dirà per infarto, causa di morte diffusa tra i detenuti politici. Bahrami nel frattempo può studiare al Conservatorio G.Verdi di Milano con Piero Rattalino grazie ad una borsa di studio donatagli dalla Italimpianti. Dopo tre anni la borsa di studio viene però interrotta e seguono anni di difficoltà economiche per lui e la madre. Bahrami riesce comunque a diplomarsi nel 1997 e a proseguire i suoi studi, e comincia ad imporsi all’attenzione delle maggiori istituzioni musicali italiane e tedesche grazie alle sue interpretazioni di Bach, compositore per il quale nutre una profonda venerazione. Nel 1998 ottiene la cittadinanza onoraria in seguito al debutto al Teatro Bellini di Catania, e nel 2004 corona infine il suo sogno di gioventù registrando per la casa editrice musicale Decca le Variazioni Goldberg di Bach. Ora sta lavorando ad un progetto con la Gewandhausorchester di Lipsia, patria di. Bach, per eseguire nella stagione 2008/09 tutta l’opera di Bach per pianoforte e orchestra sotto la guida del Maestro Riccardo Chailly.

Quando lo incontro, Bahrami è contento di rispondere alle mie domande. Sono curiosa di sapere come sia nata la sua passione per la musica. Inizia a raccontarmi che già a Teheran amava ascoltare il grande violinista ebreo Jascha Heifetz e che, guidato da un vinile di Beethoven, dirigeva un’orchestra immaginaria dall’alto del tavolino del salotto. Dopo la rivoluzione, la musica divenne per lui un rifugio dal dolore della realtà esterna. Negli anni della guerra contro Saddam, egli avvertiva i bombardamenti prima ancora che ne venisse dato l’allarme e, a volte, invece di correre ai rifugi sotterranei, preferiva rimanere in casa ad ascoltare musica classica o a suonare il piano mentre fuori cadevano le bombe. Ricorda in particolare di quando Teheran era bianca sotto la neve e, mentre suonava, aveva visto dalla finestra una casa colpita da una bomba incendiarsi. La musica riusciva così a lenire il dolore e la paura dei momenti più duri. Sempre a Teheran iniziò l’amore di Bahrami per la musica di Bach. Lo scoprì a casa di una amica iraniana dove sentì un disco interpretato da Glenn Gould, celebre interprete bachiano canadese. Lo stesso padre Paviz, in una delle sue ultime lettere dal carcere, lo aveva incoraggiato allo studio di Bach, perché la sua musica lo avrebbe potuto aiutare molto. E Bahrami rivolge un invito ai giovani ad ascoltare più musica classica, e soprattutto Bach, per l’universalità della sua musica, valida in ogni tempo.

Gli chiedo se fece fatica ad adattarsi in Italia. Mi dice che no, che fin da subito ha potuto immergersi nella realtà italiana studiando in scuole italiane e circondato da bambini italiani. Proprio per questa sua esperienza è contrario al progetto del governo di creare nelle scuole apposite classi per stranieri, e crede invece che sia molto importante favorire la “polifonia” culturale, che in linguaggio musicale non significa altro che l’incontro armonico di voci diverse. Ramin Bahrami non ha più rivisto il suo paese da quando lo ha lasciato. Vorrebbe ritornare in un Iran democratico pur avendo nostalgia dei tempi della monarchia e dello Scià, a sua detta spesso ingiustamente frainteso in Occidente. Prima di salutarlo voglio ancora sapere se, per la sua storia e il suo vissuto, si considera un musicista politico. Mi risponde che si sente sì un musicista politico, ma solo in quanto portatore di un messaggio universale di pace. Peccato che giovedì 23, al Teatro Verdi di Gorizia, solo in pochi sono venuti ad ascoltare il suo messaggio.

Margherita Gianessi

Margherita.gianessi@sconfinare.net

 

La politica interna inevitabilmente influenza quella internazionale

Quando i media si interessano massicciamente di un evento, inevitabilmente interferiscono con il naturale svolgimento di tale atto. Ciò vale sia per le piccole cose nella vita di tutti i giorni, sia per ifatti straordinari e particolarmente delicati. Spesso infatti per operare con la dovuta cautela situazioni che si mostrano di difficile
risoluzione, si fa spesso ricorso agli appelli per il silenzio stampa.
È quanto accade ogni volta in seguito ad un rapimento. La politica e la stampa rendono astratte situazioni di sofferenza reali, complicano la gestione delle trattative per i mediatori. Con l’intervento di giornalisti e politici si /spettacolarizza/ tutto e generalmente essi conoscono a malapena i Paesi e le popolazioni di cui parlano.
Il problema recentemente messo in luce da stampa e politica è relativo alle trattative con i sequestratori. Alcuni paesi, come Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna, hanno da sempre affermato la loro fermezza sostenendo di non voler trattare con i terroristi. E spesso quanto si dichiara è ben diverso dai fatti reali: nonostante essi mantengano posizioni, sono noti i casi in cui questi stessi Stati sono scesi a patti con organizzazioni terroristiche e con Stati detenenti ostaggi. Per citare qualche esempio: il sequestro del personale diplomatico dell’ambasciata americana di Teheran avvenuto durante la rivoluzione islamica nel 1970; crisi che si risolse con la sottoscrizione di un trattato segreto nel 1981 con oggetto la fornitura di armi americane all’Iran, in quel periodo in guerra con l’Iraq. Israele che nel 2006 aveva usato come /casus belli /il rapimento di un suo soldato al confine con il Libano, dopo la fine di una inutile guerra ha iniziato a negoziare per la liberazione dell’ostaggio.
Questi eventi, si sa, non fanno notizia, dunque “/è giusto che” /vengano quasi ignorati dai media e dall’opinione pubblica. Nonostante le posizioni prese da alcuni Paesi, dunque, le trattative per la libertà degli ostaggi avvengono sempre. Il problema è, a questo punto, mantenere gli eventuali accordi come segreti evitando di far trapelare i dettagli delle operazioni. Questo particolare non deve considerarsi come un limite alla libertà di informazione, piuttosto come metodo di tutela nel caso in cui si verifichi nuovamente un rapimento: se fosse assolutamente certo e risaputo che una certa nazione arrivi sempre a patti per salvare i propri cittadini… probabilmente sarebbero
in pochi a viaggiare all’estero.
Con questo si giunge a parlare del caso (o caos?) circa il rapimento del giornalista italo- svizzero di Repubblica Daniele Mastogiacomo, accompagnato dal suo interprete e dal suo autista afgani, avvenuto agli inizi di marzo 2007. Il sequestro è terminato con la liberazione di 4 talebani detenuti nelle carceri in Afghanistan e con la morte dei due afgani rapiti.
I rischi connessi per la liberazione di Mastrogiacomo erano di diversa matrice:
– Credibilità internazionale dell’Italia legata alla trattativa con dei terroristi e, quindi, all’emergere di una possibile “debolezza” del nostro Paese nei loro confronti;
– Utilizzo di una Ong come Emergency (con uno dei fondatori, Luigi Strada, esplicitamente contrario alla nostra presenza militare ed a quella degli alleati) anziché ai nostri reparti militari speciali e dei servizi segreti italiani ed afgani (che avrebbero dovuto collaborare assieme);
– Fomentare i sospetti che non tutti i rapiti godano di pari dignità di trattamento, sia italiani sia, soprattutto, afgani con la conseguenza di accrescere il consenso per i talebani e per il fondamentalismo anti-occidentale e anti Karzai.
La nostra credibilità internazionale è inoltre minata dalle critiche sempre nuove che in Parlamento e quotidianamente nei giornali, l’opposizione muove contro il governo, sempre alla ricerca delle dimissioni, sempre con la stessa retorica spettacolare. Per liberare Mastrogiacomo si è trattato come il governo di centrodestra fece per altri quattro ostaggi (due sono stati uccisi e tre liberati dai militari statunitensi). Ancora un caso dunque dove l’opposizione ha preferito mettere in crisi il governo perseguendo gli obiettivi di partito, utilizzando per i propri infantili giochi, le vite umane coinvolte nella vicenda.
Infine il quesito: è giusto trattare? Come ogni cosa dipende dalle proprie scelte personali e dai punti di vista. Pensiamo a quanto può essere diverso il ragionamento in politica o agli occhi dell’opinione pubblica. Pensiamo a quanto può essere diverso agli occhi di chi è in ostaggio. Ma ancora pensiamo a tutti coloro che vanno in scenari di guerra per aiutare il prossimo, o per puri scopi giornalistici, consapevoli del pericolo che possono correre. Pensiamo se sia più importante la vita di un uomo o la credibilità internazionale di uno Stato. Probabilmente la vita di un uomo non è quantificabile, ma se lasciamo che altri interessi scavalchino il suo valore, continueremo a compiere gli innumerevoli sbagli che la storia riporta.

Diego Pinna

Il professore Giovanni Curatola, docente dell’Università Cattolica di Milano e dell’Università di Udine, esperto di arte islamica e profondo conoscitore dell’Iran, si è recato proprio in questo Paese dal 23 aprile al 7 maggio 2006, visitando le città più importanti dello Stato. Dato l’interesse sollevato dalle recenti dichiarazioni del primo ministro iraniano Ahmadinejad, e dal contrasto sorto in particolare con gli Stati Uniti sul tema della costruzione di centrali nucleari e centri di ricerca che potrebbero portare, in futuro, alla produzione della bomba atomica, il professore farà un po’ di luce su questo Paese, poco conosciuto, che desta così tante perplessità.
Cominciamo con il presentare la figura dell’attuale primo ministro iraniano Mahmoud Ahmadinejad.

Dopo aver ricoperto la carica di sindaco della capitale Teheran nel 2003, dove si è distinto per una buona amministrazione, è stato eletto nel 2005 dopo un’accesa campagna elettorale in contrapposizione al partito riformista, precedentemente al potere. Per la sua vittoria è risultato determinante l’appoggio dell’ayatollah Ali Khamenei, leader spirituale del Paese e figura di grande carisma. Egli quindi non è uno sprovveduto,ha governato la capitale del Paese che conta 8 milioni di abitanti e,come in molti altri Stati accade, è giunto fino alla guida dell’intero Iran.

A un anno dalla sua elezione, come viene giudicato il suo operato in patria?

Ahmadinejad aveva incentrato la sua candidatura sulla promessa di riforme sociali, sentite come assolutamente necessarie dalla popolazione, ma che al giorno d’oggi risultano ancora inattuate. In particolare la lotta alla disoccupazione, l’adeguamento dei salari al costo della vita e la risoluzione del delicato problema riguardante l’indennità ai veterani della guerra contro l’Iraq negli anni ’80, i punti principali del suo programma di governo, sono ancora lontani dal trovare una soluzione stabile e duratura. La via verso il risanamento è ancora molto lunga. Da ciò la necessità del leader dell’Iran di sviare l’attenzione dell’opinione pubblica dai problemi interni, concentrandola sulla fantomatica minaccia da parte di un nemico esterno.

Come giudica le sue recenti dichiarazioni di stampo anti-occidentale ed antisemita che hanno destato tanto scalpore in ambito internazionale?

Tutto nasce dalla necessità di nuove risorse energetiche per sostenere il forte incremento demografico; la risposta di Ahmadinejad risiede nell’impiego dell’energia nucleare, potendo l’Iran vantare di abbondanti giacimenti di uranio. L’eventualità di una corsa al nucleare in Iran ha suscitato opposizioni all’interno della comunità internazionale e in particolare degli Stati Uniti. Il loro tentativo di dissuadere l’Iran dall’approfondire le sue ricerche sul nucleare ha dato la possibilità al premier di organizzare una crociata contro l’occidente, accusato di voler interferire negli affari di politica interna iraniana. Da qui le pesanti esternazioni e minacce indirizzate a Israele e agli Stati Uniti, che hanno scatenato una crisi diplomatica fra questi stati. A mio parere non c’è da preoccuparsi sulla reale portata delle dichiarazioni di Ahmadinejad. Esse fungono da collante tra i diversi strati sociali al fine di risolvere i problemi di politica interna prima denunciati.

Quali possono essere i possibili risvolti di questa crisi?
All’interno della comunità internazionale tre sembrano essere le vie di risoluzione della crisi iraniana: quella più probabile ed auspicabile è la via del negoziato, con l’obiettivo di raggiungere un compromesso tra le ambizioni nucleari iraniane, considerate legittime e necessarie dal premier Ahmadinejad e i timori più o meno fondati degli stati occidentali. Le altre due vie prese in considerazione sono l’attacco armato preventivo, misura adottata nel vicino Iraq, e in alternativa un bombardamento mirato dei centri di ricerca nucleare in territorio iraniano. Entrambe risultano impraticabili rispettivamente a causa dell’estensione del Paese e della disposizione sotterranea dei principali siti di ricerca e sperimentazione.

Leonetta Pajer e Davide Goruppi

Ahmadinejad e le ‘innegabili contraddizioni’

“Signor George Bush,, è da tempo che mi chiedo come si possono giustificare le innegabili contraddizioni che esistono sulla scena internazionale”. Così comincia la lettera che l’8 maggio il Presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad ha inviato al collega statunitense. Molti ne hanno parlato, chi enfatizzando la storica apertura di Theran, chi smascherando la falsità di tale mossa, chi altro giusto per sentito dire. Probabilmente sono pochi però ad averla letta davvero. Troppo lunga, forse, per gli standard occidentali? O semplicemente di troppo? Parliamone, anzi no, prima lasciamola parlare.

Il leader iraniano introduce le proprie argomentazioni chiedendosi: “Si può essere seguaci di Gesù Cristo […] sentirsi obbligati a rispettare i diritti umani, presentare il liberalismo come un modello di civiltà […] fare della ‘Guerra contro il Terrore’ il proprio slogan […] ma allo stesso tempo…” ottenere risultati completamente opposti? E da qui inizia la rassegna degli errori (o se preferite orrori) che, secondo Ahmadinejad, sono poi gli stessi aspetti contradditori del modus operandi statunitense.

Innanzi tutto la guerra in Iraq. “A causa della possibile esistenza di armi di distruzione di massa in un certo Paese questo viene occupato, circa 100 mila persone uccise[…]180 mila soldati stranieri spiegati a terra[…]e il Paese catapultato indietro di 50 anni”.

Nel dar voce ad un bisogno collettivo di chiarezza, continua: ” […]i giovani, gli studenti universitari, le persone comuni hanno alcune domande circa il fenomeno Israele”. Entra così nel vivo della lettera. “Storicamente molti paesi sono stati occupati, ma penso che lo stabilirsi di un nuovo paese con un nuovo popolo sia un fenomeno esclusivo dei nostri tempi. I miei studenti dicono che 60 anni fa questo stato non esisteva.[…] Ho detto loro di studiare la storia della seconda guerra mondiale. […] Dopo la guerra sostennero che 6 milioni di ebrei erano stati uccisi. […] Supponiamo che questi eventi siano veri. Questo deve logicamente tradursi nella fondazione dello Stato di Israele o nel sostegno di quello stato?”

La questione israeliana è, con il recente programma di sviluppo energetico, uno dei punti a cui la comunità internazionale è più sensibile. Non stupisce pertanto che il tema successivo sia appunto il nucleare. Parola scomoda, mai usata nella lettera, che risalta con evidenza dal contesto: “Perché ogni progresso tecnologico raggiunto in Medio Oriente è tradotto e dipinto come una minaccia allo stato sionista? La ricerca e lo sviluppo non è uno dei basilari diritti delle nazioni?”.

La discussione sul progresso tecnologico spinge il Presidente iraniano a riflettere sui paesi meno sviluppati: perché in America Latina e in Africa i governi “eletti sono contrastati mentre vengono sostenuti leader golpisti” ed “enormi ricchezze sono saccheggiate. Anche il popolo dell’Iran ha molte domande e motivi di lagnanza, inclusi il colpo di stato del 1953[…]l’opposizione alla Rivoluzione islamica[…], il sostegno a Saddam nella guerra mossa contro l’Iran.”

L’analisi degli ultimi avvenimenti passa ovviamente attraverso l’11 settembre che, riconosce Ahmadinejad: “è stato un avvenimento spaventoso”. Non senza esprimere quei riserbi inquietanti di cronaca recente:”non è stata un’operazione semplice. Possibile che sia stata preparata ed eseguita senza alcun coordinamento con l’intelligence ed i servizi segreti?”. Decisivo, a suo avviso, il ruolo dei medi che “hanno parlato costantemente della possibilità di nuovi attacchi terroristici e tenuto la gente nel terrore[…]. Alcuni credono che l’esagerazione mediatica abbia aperto la strada per l’attacco all’Afghanistan[…]”.

Dall’informazione manipolata alla critica del potere democratico il passo è breve. “Nei paesi di tutto il mondo, i cittadini pagano le spese dei propri governi, in modo che i governi possano a loro volta servirli”. Ahamadinejad allora si chiede “che cosa hanno prodotto per i cittadini le centinaia di miliardi di dollari spese ogni anno per pagare la campagna irachena?” e ricorda al Presidente Bush le ‘regole democratiche’. “Chi si trova al potere ha un mandato con una scadenza, e non governa per sempre. Però i loro nomi saranno registrati nella storia, e verranno giudicati costantemente, nel futuro prossimo e lontano[…]. Siamo riusciti a portare la pace, la sicurezza e la prosperità per il popolo, oppure insicurezza e disoccupazione?”

Si apre così la parte finale della lettera nella quale emerge con forza il parallelismo tra i valori di due universalismi: quello cristiano e il suo pari musulmano. Valori e toni altrettanto profetici, che considerati con un po’ di relativismo, fanno assomigliare gli ayathollah di Theran ai teocon dell’amministrazione di Washington. D’altronde guardando alla storia il fondamentalismo cristiano e quello musulmano non sono poi così lontani. Un raffronto religioso di cui è intarsiata tutta la lettera: al richiamo dei principi della tradizione cristiana, è continuo l’alternarsi dei versetti del corano. Il tutto in una ricercata continuità di quella parola condivisa da “Tutte le religioni divine […] che è “monoteismo”. E quindi: “Tutti i versetti di cui sopra si possono ritrovare in un modo o nell’altro anche nel Vangelo[…].Non pensate che la fede in questi principi promuova e garantisca la pace, l’amicizia e la giustizia? […]. Non accetterete (l’invito ad) un ritorno autentico agli insegnamenti dei profeti[…]?”. Il crescendo sui principi del monoteismo si accoppia alla constatazione del risveglio dei popoli. “I popoli protestano contro il crescente divario tra coloro che hanno e coloro che non hanno”, e si celebra il funerale del “liberalismo e la democrazia di tipo occidentale” che “non sono stati in grado di realizzare gli ideali dell’umanità […]. Sempre di più vediamo che i popoli di tutto il mondo si stanno rivolgendo verso un punto focale – Dio l’Altissimo. […]La domanda che io vi rivolgo è questa: non volete unirvi a loro?”.

Questa la lettera di Ahmadinejad dunque. Resta, a nostro avviso, una considerazione da fare. La colpa dell’amministrazione Bush sarebbe, a detta di Ahmadinejad, quella di praticare i principi professati, andando a sbattere in ‘innegabili contraddizioni’. Ma come l’America, così l’Iran vive di contraddizioni. Non espresse nella lettera, come era d’aspettarselo, ma presenti nella realtà. Tutta la società ne è pervasa dall’economia e dalla politica fino alla stessa religione. Da un lato la censura, la legge islamica, la battaglia sul nucleare, gli interventi autoritari sulla vita pubblica delle persone (vedi l’hijab, l’abbigliamento previsto dall’ortodossia islamica per le donne); dall’altro la massa di giovani affamata di libertà (il 70% della popolazione ha meno di trent’anni), il fascino del modello di vita americano, la benzina che costa meno dell’acqua minerale seppur raffinata all’estero, e, soprattutto, la voglia di modernità di un paese che, come dice, Ramin Jahanbegloo, giovane filosofo di Teheran, vive in silenzio la sua rivoluzione culturale. “E’ il nostro maggio ’68, un maggio silenzioso”.

Davide Lessi

Emmanuel Dalle Mulle


 

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.485 hits