You are currently browsing the tag archive for the ‘viene’ tag.

Leggi il seguito di questo post »

Questo mese vi parlo di due film. Il giardino di limoni di Eran Riklis – regista anche de La sposa siriana- racconta di una donna palestinese qualsiasi, Salma, una vedova, che vive nella sua casa in Cisgiordania da sempre, devota al giardino di limoni che ha coltivato assieme al padre e al marito. Sfortunatamente vive proprio sul confine con Israele. Il giorno in cui il ministro degli Esteri israeliano prende casa proprio davanti al suo limoneto, comincia l’ Odissea della donna. Le viene notificata l’ intenzione del governo israeliano di sradicare i suoi alberi di limoni, perché questi rappresentano un pericolo per il ministro e sua moglie, visto che potrebbero nascondere terroristi. Ma il volere del ministro si scontra con la determinazione di Salma: la questione viene portata in tribunale. Il giovane avvocato della donna, richiamando l’ attenzione dei media internazionali, riesce ad impedire l’ abbattimento degli alberi.

Film leggermente controverso. Se andrete a vederlo (forse al Kinemax uscirà tra un po’ tra le serate dei film d’ autore) capirete quello che sto per dire. Non è un caso che il film sia stato finanziato dalla Israeli Film Commission; i principali personaggi, ovvero Salma e il ministro Avon, che inizialmente incarnano gli archetipi del buono e del cattivo, tendono in modo poco percettibile a cambiare ruolo nell’ arco della proiezione. La palestinese, da povera donna vittima di un’ ingiustizia, finisce per diventare la “solita araba incontentabile”, mentre il ministro, da animale insensibile, si umanizza e quasi si prova compassione per quel personaggio che verso la fine cerca di redimere la propria colpa di doversi comportare da israeliano. Dopo aver tanto lottato da una parte per sradicare gli alberi, dall’ altra per difenderli, sul confine viene calato un muro che impedisce la vista dei rispettivi territori: il ministro, guardando il muro, si commuove e sembra scusarsi per le brutalità commesse a quella donna che oltre il muro lo guarda in cagnesco. Un’ inversione di ruoli che proprio non condivido. Come dice Zulawski, un film è bello in base alle emozioni che ci trasmette. È quindi personale, come personali sono le meditazioni che vi facciamo dopo averlo visto.

Di ritorno dal Trieste Film Festival, vi consiglio Delta dell’ ungherese Kornél Mundruczo. Passato quest’ anno al festival del cinema di Cannes, è transitato al Trieste Film Festival in anteprima italiana. Un giovane fa ritorno al paese sul delta del Danubio dove aveva vissuto da bambino. Un luogo isolato e selvaggio dove gli viene presentata la sorella di cui ignorava l’ esistenza. Il ragazzo si stabilisce nella capanna che un tempo era stata di suo padre e decide di costruire una palafitta in mezzo all’ acqua dove poter vivere lontano da tutti. Sua sorella, una ragazza fragile e timida, lo segue e lo aiuta nella costruzione della loro casa. Tra i due si instaura un rapporto fatto di estrema naturalezza e complicità, qualcosa di più che un rapporto tra fratello e sorella. Nella bellezza dei paesaggi del Parco del Delta del Danubio, i due ragazzi sono così belli nella loro esistenza, soprattutto in confronto alla bestialità della gente del paese, ubriaconi e molesti, che non vedono di buon occhio la relazione tra i due. Quando, un giorno, il giovane pesca una grossa quantità di pesce, i due decidono di dare una festa ed invitano gli abitanti del paese. La festa diventa il motivo scatenante di tutta la rabbia repressa degli invitati; diventa una spedizione punitiva nella quale la ragazza viene violentata (e forse assassinata) e il ragazzo accoltellato a morte. Dice il regista: “Piuttosto che parlare di una deviazione sessuale, quello che mi interessava era arrivare a capire il genere di libertà che permette a una persona di trascendere la regola. Al cuore della storia non c’ è l’ incesto, bensì il coraggio che ci vuole per accettare un’ attrazione naturale, anche se questa rompe con le convenzioni. La cosa veramente intollerabile è che esistano persone che credono di potersi arrogare il diritto di condannare chi esce dalla norma”. Un film stupendo, quasi epico. I due giovani sanno bene che non vale la pena lottare per il bene all’ interno della società; è probabilmente per questo che si ritagliano il loro angolo personale lontano da tutti, in un luogo così sperduto e irraggiungibile. Ma c’è chi, per invidia e arroganza, a costo di remare controcorrente, è sempre pronto a fagocitare ogni fremito di libertà pur di ottenere il primato. Su cosa?

(Visto che mi firmo e metto la mail: se avete visto, avete intenzione di vedere o non vedrete mai questi film ma volete commentare fatelo pure. Sarà cosa molto gradita)

Alessandro Battiston

schlagstein@gmail.com

 

Regista: Michel Ocelot

Film di animazione

Nazione: Francia

Durata: 95′

Voto: 9

Il genere del film di animazione in questi ultimi anni si rivolge sempre più anche al pubblico adulto Ed è questo(, secondo me,) anche il caso di “Azur e Asmar” del francese Michel Ocelot, nonostante la semplicità dei disegni e la vivacità dei colori possano ingannare. La storia, ambientata in epoca medievale, si sviluppa in due scenari diversi. La prima parte si svolge in Francia presso la corte di un nobile, padre di Azur. Questi è un bambino biondo con gli occhi azzurri che viene svezzato dalla nutrice Jenane, originaria del Marocco, e che trascorre la sua infanzia con il figlio di lei, Asmar. I due bambini (crescono insieme e) diventano amici, ma il padre di Azur, che marca in ogni occasione le differenze sociali cercando di porre una barriera tra i due, decide di separarli: il francese viene mandato in città per gli studi, Asmar e sua madre invece vengono scacciati e devono tornare nel proprio Paese. Passano gli anni e Azur cresce nel ricordo della nutrice e delle leggende da lei raccontate: decide quindi di partire per il Marocco alla ricerca della fata dei Jinn ( i corrispettivi degli elfi nella tradizione araba), ma qui si scontra subito con la realtà locale e con i pregiudizi che la caratterizzano. E’ come se i ruoli si capovolgessero: ora infatti è Azur che rappresenta lo straniero (e il diverso) e i suoi occhi azzurri sono giudicati portatori di malocchio, tanto che egli si finge cieco (per non essere allontanato dalle persone). Ritrova la nutrice, (diventata una ricca mercantessa,) e Asmar, che però non ha dimenticato l’umiliazione subita a causa del padre di Azur. I due, dapprima quasi nemici, partono per la stessa avventura e progressivamente riacquistano la loro complicità e riescono a raggiungere la leggendaria fata: il problema è chi la dovrà sposare? Essi vengono infatti giudicati di pari valore. Questa fiaba moderna, attraverso la forza delle immagini e il messaggio in essa contenuto, aiuta a riflettere: non bisogna basarsi sul pregiudizio, ma cercare di conoscere le persone per quello che sono e non per quello che rappresentano.

Lisa Cuccato

Lisa.cuccato@sconfinare.net

Flickr Photos

Commenti recenti

Anulik su Armenia e Nagorno Karabak…
Edoardo Buonerba su Benvenuti al Sud
Fabione su Un piccolo riepilogo sulla…
marzia su Agenzie interinali
dott. Luca Campanott… su Il Friulano non è una lin…

Blog Stats

  • 11.461 hits